Artificial Intelligence Analyst, arriva la piattoforma guidata da intelligenza artificiale in grado in grado di evitare le frodi

Venerdì 30 Ottobre 2020

Si chiama Artificial Intelligence Analyst la piattaforma di intelligenza artificiale che unisce l’Open Source Intelligence - cioè la capacità di analizzare fonti e verificare informazioni a partire dalle risorse disponibili al pubblico - con quelle del Deep Insight - procedure intuitive proprie delle scelte umane - in modo tale da offrire gli strumenti e le tecnologie per svolgere, in autonomia, tutte le attività dell’analista di Intelligence. 

Coding girls, 15mila studentesse a lezione di informatica: «Così programmiamo il futuro»

La piattaforma dovrebbe raggiungere un livello di automazione del 75%, in grado di velocizzare le operazioni di analisi e aiutare gli utenti alle prese con operazioni economico/finanziarie online a prendere decisioni in tutta sicurezza minimizzando i rischi di frode.  Ad annunciarne è Deephound, tech company italo-inglese fondata nel 2018 da tre ragazzi romani, Alessia Gianaroli, Rosbeh Zakikhani e Marco Menichelli, con sede a Londra e - da pochissimo - sbarcata anche nella Capitale. 

Nel Nome del Rispetto: al via il concorso nazionale per le scuole
 
«Deephound nasce come laboratorio di analisi sulle fake news - racconta Rosbeh Zakikhani, founder della società - ma ben presto ci siamo accorti che il mercato non era ancora pronto per considerare il factchecking come servizio e ad acquistarlo in quanto tale, quindi abbiamo deciso di spostarci sulla business intelligence». Un’intuizione vincente, se si pensa che ogni anno nel mondo si perdono circa 5 mila miliardi di dollari a causa di frodi e che, tra pochi anni, il 98% delle informazioni viaggerà sul web. Su internet circolano miliardi di informazioni e contenuti provenienti da varie fonti: la capacità di valutare l’affidabilità di queste ultime è una delle principali attività dell’analista di intelligence. 

 

La piattaforma non si sostituirà all'uomo, ma al contrario, riuscirà a minimizzare la mole di dati da analizzare e lasciare all’analista “umano” la fase di controllo e verifica delle informazioni e dei risultati. Questo strumento è utile nei casi di operazioni finanziarie, di equity crowdfunding e manovre finanziarie online, cresciute enormemente soprattutto nel periodo di lockdown. Grazie alla piattaforma è possibile infatti velocizzare le azioni di fast screening e di individuazione delle false informazioni. «Abbiamo progettato questa piattaforma con l’obiettivo di superare i fattori che limitano le attività dell’analista esperto - conclude Rosbeh - ma al tempo stesso prendendone a modello le migliori qualità come la competenza, la metodologia e la capacità autonoma di apprendimento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA