Smartphone, vendite in forte calo: gli utenti aspettano 2,83 anni per cambiarlo

Sabato 3 Novembre 2018
Smartphone, mercato in forte calo: gli utenti aspettano in media 2,83 anni per cambiarlo

Senza la carota di innovazioni vere che spingano a cambiare lo smartphone, oltretutto con i nuovi modelli che costano sempre di più, il mercato di questi dispositivi arranca, con un segno meno che è la costante ormai da un anno. A scontare la saturazione sono ormai tutte le case produttrici a cominciare da Apple, i cui utenti sono quelli che aspettano di più prima di passare ai nuovi modelli. Il calo del mercato è stato certificato dal centro studi Idc, secondo cui nel terzo trimestre dell'anno sono stati consegnati nel mondo 355,2 milioni di dispositivi, con un calo del 6% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Apple, anno record ma le stime per Natale deludono: titolo giù

È il quarto trimestre consecutivo con il segno meno, sottolineano gli analisti, ma quest'ultimo crollo è dovuto in maniera particolare a Samsung, che ha ancora un quinto del mercato globale e che ha visto un calo del 13%. «Con il mercato che è ormai completamente saturo - scrivono gli analisti - i produttori sembrano contare sul 5G e su nuovi sviluppi tecnologici per invertire il trend. Crediamo che il mercato inizierà a riprendersi nel 2019 e dopo, spinto a breve termine da un grande rinnovamento in tutti i segmenti mentre nel periodo successivo dalla migrazione al 5G». La casa coreana nonostante il crollo mantiene il primato nelle vendite davanti a Huawei, la cui quota di mercato è calata leggermente tra giugno e settembre restando però del 14,6% e Apple, che invece ha visto un piccolo aumento dello 0,5% delle vendite, in attesa dell'effetto dei nuovi modelli appena lanciati. Anche Cupertino però arranca nell'ultimo periodo, e uno dei motivi è che chi ha un iPhone tende ad aspettare molto di più rispetto al passato prima di cambiarlo, ancora più di chi ha un Android. Secondo uno studio del trader statunitense Hyla Mobile infatti in generale i possessori di smartphone aspettano 2,83 anni prima di cambiarlo, mentre due anni fa erano 2,39, ma per chi ha un iPhone la cifra sale a 2,92. Tra i motivi ci sono i prezzi sempre più alti dei modelli di punta ma anche, di nuovo, sostanziale assenza di innovazioni. «I produttori hanno lanciato negli ultimi anni modelli sempre più costosi - fanno notare da Hyla -, con alcuni modelli premium che costano più di mille dollari. Il risultato è che qualche compratore prova a far durare il più possibile il proprio telefono». Per il momento Apple sembra aver risolto il problema proprio con gli alti prezzi. La compagnia infatti ha battuto le attese di Wall Street nel quarto trimestre, con entrate pari a 62,9 miliardi di dollari contro i 61,57 miliardi previsti, anche se le vendite degli iPhone ammontano a 46,89 milioni di pezzi contro il 47,5 milioni previsti. L'azienda ha annunciato che non comunicherà più i dati sulle vendite di iPhone, iPad e Mac. «Le vendite» dei singoli prodotti «non sono rilevanti per noi a questo punto» ha spiegato agli azionisti il chief financial officer di Apple, Luca Maestri, mettendo in evidenza come il numero di unità vendute in ogni trimestre non è rappresentativo della performance della società. Una visione che però i mercati non sembrano condividere, visto che il titolo negli ultimi giorni è stato punito dalla borsa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Un film per ricordare Angelo

di Marco Pasqua