Fisica, superata la velocità della luce:
esperimento Cern-Istituto fisica nucleare

Giovedì 22 Settembre 2011
I laboratori del Gran Sasso
ROMA - I neutrini superano la velocitŕ della luce. Lo dimostrerebbero i dati del rivelatore Opera, dell'esperimento Cngs (Cern NeutrinoS to Gran Sasso), nel quale un fascio di neutrini viene lanciato dal Cern di Ginevra e raggiunge i Laboratori del Gran Sasso dell'Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn).



Non ci sono conferme ufficiali dalla comunitĂ  scientifica, attese molto probabilmente domani da parte del Cern. Se confermato, il risultato rivoluzionerĂ  l'attuale concezione dell'universo. Rompe uno dei capisaldi della fisica contemporanea, quello dell'impossibilitĂ  di superare la velocitĂ  della luce, previsto dalla Teoria della RelativitĂ  Generale di Einstein.



I ati dei quali i fisici stanno attendendo la conferma sono i risultati ottenuti dal rivelatore Opera, del quale è responsabile Antonio Ereditato. Secondo le indiscrezioni emerse finora i neutrini che nell'esperimento Cngs vengono sparati dal Cern percorrerebbero i 730 chilometri che li separano dai Laboratori Nazionali del Gran Sasso ad una velocità che supera quella della luce di una manciata di miliardesimi di secondo. Sono misure molto sofisticate e di una precisione enorme, mai raggiunta finora. Per questo, prima di pronunciarsi, i maggiori fisici delle particelle di livello internazionale non intendono commentare i dati se non dopo averli letti. Se tutto sarà confermato, ci vorranno comunque ancora mesi di lavoro, prove su prove per riprodurre il risultato e avere la conferma definitiva.



L'astrofisica Margherita Hack è perplessa e attende di vedere i dati, previsti tra questa notte e domani mattina. «Se fosse vero - commenta perplessa - cadrebbe la teoria della relatività di Einstein». Questa teoria, spiega, «prevede che se un corpo viaggiasse ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe avere una massa infinitamente grande. Per questo la velocità della luce è stata finora considerata un punto di riferimento insuperabile». Se la notizia fosse confermata, sarebbe una vera e propria rivoluzione perchè, osserva Hack, «finora tutte le previsioni della teoria della relatività sono state confermate».



I dati dell'esperimento Cngs sarebbero quindi la prima bocciatura per la teoria di Einstein. In sostanza ci sarebbe una contraddizione fra la Teoria della relativitĂ  ristretta, secondo la quale è impossibile superare la velocitĂ  della luce, e la Teoria della relativitĂ  generale. Una delle due teorie, insomma, sarebbe sbagliata e si aprirebbe davvero una nuova pagina per la fisica. Si aprirebbero anche scenari da fantascienza: «oggi per esempio - dice Hack - si ritiene che sia impossibile percorrere le enormi distanti cosmiche che separano un sistema solare da un altro a causa dell'impossibilitĂ  di superare la velocitĂ  della luce». Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 00:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma