Embrioni pecora-uomo, speranza per i trapianti

di Giuseppe Novelli
Quante cose saremmo sul punto di conoscere se il timore o la negligenza non frenassero le nostre ricerche»: era all’incirca il 1816 quando la diciannovenne Mary Shelley scriveva il suo “Frankenstein”, eletto ad emblema della paura per lo sviluppo tecnologico per i secoli a venire. Abbiamo commentato di recente, su queste pagine, numerose nuove scoperte scientifiche accolte con entusiasmo o paura a seconda del punto di vista. Zhong Zhong e Hua Hua, le prime scimmie clonate con la “tecnica Dolly”, giocano...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 20 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 01:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP