Dalla start up della Sapienza l'app Audiosafety per lavorare in Sicurezza 4.0 Video

Sabato 14 Novembre 2020

Lavorare in sicurezza e dotare i lavoratori delle informazioni necessarie prima di intraprendere qualsiasi attività in ogni settore lavorativo, nel pieno adempimento dell'obbligo di informazione in materia di sicurezza. Si chiama Audiosafety, l'applicazione web prodotta da Sicurezza 4.0 start up della Sapienza Università di Roma, nata dall'idea di due imprenditori, Michele Lepore e Gonzalo Fogliati, con la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Roma Sapienza per dotare ogni lavoratore delle informazioni di sicurezza direttamente da smartphone o tablet.

Tra i fondatori, il preside della Facoltà di Ingegneria,  professor Antonio D’Andrea, la professoressa Mara Lombardi, presidente dell’area Ingegneria della Sicurezza e il professor Giuseppe Cantisani, docente di Porti Aeroporti e Autostrade.

“La nostra esigenza è stata quella di far entrare anche la sicurezza nel mondo dell’industria 4.0” dice Michele Lepore, cofondatore di Sicurezza 4.0. “E’ necessario che tutti i processi di sicurezza siano svincolati dalla carta, che siano disponibili in tempo reale, aggiornati quotidianamente e vengano tracciati con certezza. Questo può avvenire tramite app”.

"Stop alla vecchia maniera di fare, cioè ai manualetti cartacei. Abbiamo immaginato un' app dove ricevere le istruzioni per tutti i settori delle attività economiche, anche per uffici e attività amministrative, per lo smart working, le trasferte all’estero, la guida sicura e la casa sicura. Pochi minuti allo smartphone, da leggere o e ascoltare, prima di iniziare la propria attività in sicurezza", aggiunge Gonzalo Fogliati, imprenditore e co fondatore di Sicurezza 4.0.

L'app Audiosafety contiene la banca dati globale delle istruzioni di sicurezza sul lavoro suddivise per attività, attrezzature, sostanze chimiche, primo soccorso e emergenze, Covid-19. Semplifica e rende fruibile in tempo reale le istruzioni di lavoro in sicurezza che riguardano i pericoli specifici a cui i lavoratori sono esposti in relazione all’attività svolta.

Ogni lavoratore potrà ascoltare le istruzioni, leggerle o farsi guidare da un videotutorial, prima di iniziare la sua attività lavorativa o ogni volta che vorrà accertarsi di come eseguire un'attività in sicurezza. Per il datore di lavoro, l’avvenuto adempimento all’obbligo dell’informazione sarà certificato dalla registrazione sul server delle visualizzazione delle schede effettuate dal lavoratore

© RIPRODUZIONE RISERVATA