Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Metaverso, utente «molestata da tre uomini»: Facebook introduce la distanza di sicurezza fra avatar

Dopo un controverso episodio all'interno di Horizon Worlds arriva la prima storica decisione da parte dell'azienda di Zuckerberg

Metaverso, utente «molestata da tre uomini»: Meta introduce la distanza di sicurezza fra avatar
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Febbraio 2022, 16:18 - Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio, 20:29

Un caso di molestie nel metaverso ha fatto scattare la prima storica contromisura da parte di Meta (ex Facebook): l'introduzione di una «distanza di sicurezza» fra avatar. Lo scorso dicembre, infatti, la ricercatrice Nina Jane Patel ha raccontato di essere stata molestata da tre avatar «con voce maschile» all'interno di Horizon Worlds, la realtà virtuale creata dall'azienda di Mark Zuckerberg. Nel giro di alcune settimane (e dopo minuziose verifiche interne), Meta ha fatto la sua mossa: gli avatar - ovvero le personificazioni digitali degli utenti - non potranno avvicinarsi a meno di un metro e mezzo. Una vera e propria distanza di sicurezza per permettere agli utenti di evitare contatti sgraditi.

Facebook e Instagram potrebbero chiudere in Europa? La minaccia di Zuckerberg

Distanza di sicurezza fra avatar nel metaverso

Meta, riporta The Guardian, ha così motivato la sua decisione: «L'introduzione di un confine personale impedirà che chiunque possa invadere lo spazio personale del tuo avatar. Se qualcuno tenta di entrare nel tuo confine personale, il sistema interromperà il suo movimento». Lo scopo di una tale misura è evidente: «Pensiamo che aiuterà a stabilire norme comportamentali e questo è importante per un mezzo relativamente nuovo come la realtà virtuale».

Utente molestata in Horizon Worlds

Nina Jane Patel, ricercatrice della società Kabuni specializzata nello sviluppo di esperienze virtuali per ragazzi fra gli 8 e i 16 anni, era stata invitata a testare Horizon Worlds proprio in virtù della sua professione. La ricercatrice ha raccontato che dopo un solo minuto dal suo ingresso all'interno del metaverso, il suo avatar è stato molestato da altri tre «con voce maschile», che l'avrebbero «palpeggiata» rivolgendole «frasi offensive», scattando persino delle foto. Dopo due mesi di polemiche, alla fine Meta sembra aver riconosciuto l'accaduto, con la storica decisione della distanza di sicurezza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA