Forum on Digital Transformation, nuove strategie digitali per una crescita sostenibile

Forum on Digital Transformation, nuove strategie digitali per una crescita sostenibile
di R.d'E
3 Minuti di Lettura
Martedì 22 Giugno 2021, 11:30

Che impatto hanno le tecnologie digitali sulle società e sul mercato del lavoro? La trasformazione digitale sarà sostenibile in futuro? A chi spetta la sovranità digitale e il controllo sulla protezione e sicurezza dei dati? A queste e altre domande hanno provato a rispondere i partecipanti al Forum on Digital Transformation, promosso da Deloitte e Ispi nell'ambito delle iniziative che l'Istituto - National Coordinator e Chair del Think20 (T20) - organizza sui principali temi del G20. 

È intervenuta in apertura Anna Ascani, Sottosegretaria allo Sviluppo Economico, che ha sottolineato come lo stato debba investire sulle capacità e le competenze oltre che sulla tecnologia e gli aspetti infrastrutturali, in quanto l’innovazione è anzitutto un atto politico.

«Vi sono sempre più conferme che la digitalizzazione porti a una vera rivoluzione della produttività», ha commentato poi Andrew Williamson, vicepresidente Global Government Affairs di Huawei. «Accelerare la trasformazione digitale potrebbe avere impatto e benefici enormi per l'umanità in questo decennio. Ma questo comporterà anche delle sfide. Possiamo superarle al meglio adottando un approccio all'innovazione e alle partnership tecnologiche che sia aperto, inclusivo e collaborativo».

«I mutamenti portati dalla pandemia hanno accelerato lo sviluppo di nuovi modelli e abitudini per aziende e cittadini, tuttavia questa rapidità rischia di condurre a importanti disparità sociali», ha sottolineato Andrea Poggi, membro del Comitato Esecutivo per Deloitte Nord e Sud Europa. «Sarà quindi fondamentale che tutti, aziende, istituzioni e cittadini, collaborino per traghettare il proprio Paese verso una rinascita che sia equa e sostenibile e che l’innovazione, supportata dalle tecnologie digitali, diventi uno strumento in grado di abilitare una transizione verso il futuro che ponga al centro individui, collettività e ambiente».

«La trasformazione digitale è uno dei motori principali per la crescita economica globale e sostenibile», ha commentato Maximo Ibarra, Chair della task force Digital Transformation del Business20 (B20), l’engagement group del G20 espressione delle imprese organizzato quest’anno da Confindustria e presieduto da Emma Marcegaglia. «I suggerimenti che la Task Force presenterà ai leader del G20 per superare il digital divide si concentreranno su 3 aree chiave», continua Ibarra. «La prima è la connettività, sostenendo lo sviluppo di reti ultra-veloci – oggi oltre il 49% della popolazione mondiale non ha un accesso stabile a Internet e si stima che per ogni 10% in più di diffusione di banda larga possa generare un aumento di GDP tra lo 0,5-1,5%. Sono poi necessari investimenti e sostegni alla ricerca e all’innovazione tanto nel settore pubblico quanto in quello privato. Inoltre», conclude, «è fondamentale lavorare sulle nuove competenze a 360 gradi, includendo tutti gli attori dell’economia digitale, come PA, imprese, cittadini e consumatori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA