Cavi audio, è polemica sull'uso di «maschio» e «femmina» per i jack: «Linguaggio sessista, bisogna cambiare»

Cavi audio, è polemica sull'uso di «maschio» e «femmina» per i jack: «Bisogna cambiare linguaggio»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 15 Luglio 2021, 18:07

Discutere del sesso degli angeli è inutile, mentre crea polemica parlare di quello dei cavi audio. A far discutere è il modo in cui è chiamata la parte dello spinottto che si inserisce e quella che riceve. La prima è infatti chiama «maschio» e la seconda «femmina». Non a caso, perché ricorda la fecondazione. L'atto con cui si procrea. Un linguaggio che «non può più essere accettato» per la Professional Audio Manufacturers Alliance (Pama), associazione statunitense dei produttori di materiale audio. Che così ha deciso di inviare alle aziende affiliate un questionario volto a «raccogliere feedback sul linguaggio problematico e sollecitare suggerimenti su una terminologia alternativa e neutra».
 

Non solo sessismo

C'è anche un altro problema di linguaggio che sta tormentando il mondo della tecnologia. E riguarda i termini utilizzati per indicare il rapporto tra due hardware, in cui uno hai il controllo dell'altro. Ebbene in questo caso, soprattutto negli Stati Uniti, si usano le parole «master» e «slave» («padrone» e «schiavo»). Così c'è chi propone di utilizzare «primario» e «secondario» in modo da evitare problemi di linguaggio legati allo schiavismo, abolito negli Usa 156 anni fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA