Riprodotta la voce di una mummia di 3.000 anni fa: ricostruita grazie a una stampa in 3D

Giovedì 23 Gennaio 2020

Riprodotta la voce di una mummia di 3000 anni fa, o meglio, il suono di come avrebbe pronunciato una vocale. Il risultato, descritto sulla rivista Scientific Reports, è stato ottenuto dai ricercatori dell'università di Londra, che hanno ricostruito il tratto vocale di un sacerdote egizio, attraverso la tac e la stampa in 3D di quelle che furono la sua gola e laringe. Nesyamun, questo il nome della mummia custodita da circa due secoli al museo di Leeds, è morto verso i 55 anni, con gengive malate e denti consumati, ma una mandibola ben prominente. Quello che hanno fatto i ricercatori, guidati da David Howard, è stato sintetizzare il suono della sua voce, grazie a misure molto precise delle dimensioni del suo tratto vocale, ricavate dalla tac (che ha mostrato che i tessuti molli erano rimasti intatti grazie al processo di mummificazione), da una laringe elettronica e della la stampa in 3D della laringe della mummia. Le misure hanno mostrato che il tratto vocale di Nesyamun era decisamente più piccolo di quello degli uomini di oggi. Grazie a tutti i dati raccolti, gli studiosi hanno poi sintetizzato e riprodotto riprodurre un singolo suono di quella che doveva essere la sua voce, simile a quelli pronunciati dagli uomini di oggi.

LEGGI ANCHE....> Mummia di leone trovata nella necropoli di Saqqara: «Scoperta eccezionale»

© RIPRODUZIONE RISERVATA