Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La carica di MakeToCare, gli innovatori del benessere

La carica di MakeToCare, gli innovatori del benessere
di Alessandro Di Liegro
3 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Ottobre 2016, 11:00 - Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 15:28

La lunga marcia che porta alla quarta edizione del Maker Faire Rome - The European Edition 4.0 sta per concludersi. Venerdì 14 ottobre i cancelli della Nuova Fiera di Roma si apriranno per ospitare visitatori curiosi e appassionati di artigianato digitale e di tutte le forme di tecnologia e innovazione. I piccoli step di avvicinamento al Maker Faire sono incominciati già venerdì 8 ottobre con la Big Hack, la hackathon - la maratona di hacking che dura 24 ore - di Piazza del Plebiscito a Napoli, a tema maker e internet of things che ha coinvolto centinaia di studenti, ingegneri, sviluppatori, programmatori, designer e startupper.

 
Due, invece, gli appuntamenti romani prodromi della più grande fiera europea sull'artigianato digitale: MakeToCare, il concorso ideato da Sanofi Genzyme e organizzato in collaborazione con il Maker Faire, per trovare soluzioni innovative per le persone con disabilità e Le città dei Makers, in programma il 13 ottobre presso la Sala del Tempio di Adriano. Il giorno precedente - 12 ottobre - il medesimo spazio in Piazza di Pietra, sarà la sede della cerimonia di premiazione del concorso MakeToCare. Un Comitato di Valutazione, presieduto dal Rettore dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Professor Giuseppe Novelli, valuterà quale dei 13 progetti finalisti sarà ritenuto vincitore. Ai primi due progetti classificati andranno un viaggio nella Silicon Valley (California - Usa) e la possibilità di visitare alcune realtà nel cuore pulsante dell'innovazione che operano in ambito di salute e benessere. I vincitori saranno anche coinvolti in incontri con fablab, incubatori, spazi di coworking, alla partecipazione a meetup, e avranno uno spazio espositivo all'interno del Maker Faire, accanto allo stand Sanofi Genzyme.

«Da sempre, innovazione, passione e imprenditorialità hanno un ruolo fondamentale nella continua ricerca per offrire una migliore qualità di vita ai pazienti - afferma Enrico Piccinini, General Manager Sanofi Genzyme Italia e Malta - Riteniamo che il coinvolgimento della comunità dei Maker, forte dell'entusiasmo e della creatività che li caratterizza, possa contribuire a cambiare il loro presente e portarli verso un futuro migliore».

I DISPOSITIVI
Fra i progetti in gara kit per la creazione di progetti inclusivi per le persone con disabilità, cucine modulari regolabili, dispositivi indossabili che digitalizzano alfabeti tattili, smart glass progettati per aumentare le capacità di discriminazione spaziale dei suoni nelle persone affette da ipoacusia e un esoscheletro per arti superiori i cui componenti sono stampati in 3D.

Il 13 ottobre, il convegno Le città dei makers, anticipa l'inaugurazione del Maker Faire ponendosi come spunto di riflessione sui cambiamenti che occorreranno ai panorami urbani grazie allo sviluppo tecnologico e alle invenzioni dei maker. Dallo smontaggio della città-fabbrica alla nuova manifattura urbana è la tematica centrale dell'incontro che vede coinvolti Carlo De Benedetti, Presidente onorario Fondazione Make in Italy, il Presidente del Censis Giuseppe De Rita, il Professore di Statistica economica dell'Università Studi di Tor Vergata Enrico Giovannini. Le conclusioni saranno affidante al Governatore del Lazio Nicola Zingaretti e al Presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA