Leonardo e Telespazio sempre più plastic free: borraccia di alluminio al posto delle bottigliette

Lunedì 16 Settembre 2019
Leonardo e Telespazio sempre più plastic free: borraccia di alluminio al posto delle bottigliette
Leonardo guarda sempre più allo spazio, ma resta con i piedi sulla Terra che difende dicendo addio a bottiglie, piatti, posate e bicchieri di plastica: il gruppo rafforza così il suo percorso di sostenibilità e vira verso il Plastic Free dando il via alla riduzione della plastica monouso in tutte le sedi del Gruppo. Oggi il primo passo lo fa la controllata Telespazio che ha messo al bando l'uso della plastica usa e getta in tutte le sue sedi e centri spaziali italiani.

Roma, all'Auditorium spunta una balena di 10 metri: è formata da 250 kg di rifiuti

Con questa policy green, Leonardo anticipa così l'entrata in vigore della Direttiva Europea che dal 2021 metterà lo stop a posate, piatti o cannucce in plastica per aprire le porte ai recipienti compostabili. La joint venture Leonardo (67%) e Thales (33%) spiega infatti che il progetto «Plastic Free» di Telespazio è «la prima di una serie di iniziative con le quali Leonardo intende avviare la riduzione del consumo di plastica in tutte le sedi del Gruppo».



A diventare plastic free per Telespazio sono i suoi siti e quelli della controllata e-Geos e questa scelta permetterà di eliminare i consumi fino a 89.100 chili di plastica l'anno. Solo nel 2018, infatti, il gruppo Telespazio ha calcolato di avere consumato 514.000 bottiglie d'acqua da mezzo litro e 360.000 bicchieri di plastica.

Per raggiungere questo importante traguardo, «fondamentale nella lotta all'inquinamento ambientale», Telespazio da oggi «elimina da mense, bar e distributori automatici l'utilizzo di bottiglie, bicchieri e piatti di plastica, sostituiti con materiali ecologici e biodegradabili» e «garantirà inoltre la qualità dell'acqua potabile distribuita nelle proprie sedi».

Per aiutare i mille dipendenti italiani a fare a meno delle bottiglie di plastica, Telespazio ha anche realizzato una borraccia con il marchio «Plastic Free», in acciaio inox adatto all'uso alimentare, «un contenitore sostenibile, ecologico e riciclabile» scandisce la società. 

Telespazio non è nuova a politiche di tutela dell'ambiente visto che, da oltre 10 anni, conduce campagne per la salvaguardia del nostro pianeta. Con il progetto «Love Planet Earth», infatti, «dal 2007 l'azienda sensibilizza l'opinione pubblica internazionale sulle tematiche ambientali, e sugli effetti del climate change, con l'organizzazione di mostre, eventi e con la pubblicazione di un calendario» ricorda la joint venture. Inoltre, grazie alle immagini dei satelliti italiani Cosmo-SkyMed dell'Asi, Telespazio ricorda che con e-Geos offre «servizi fondamentali per il monitoraggio del nostro pianeta e per la salvaguardia dell'ambiente i cui viviamo».

 
 



È da tempo che Leonardo è impegnata in un percorso di sostenibilità che integra le tematiche ambientali nelle strategie di business. «Attraverso il monitoraggio dei siti produttivi e lo sviluppo di prodotti e soluzioni innovative, l'azienda contribuisce, con tecnologie all'avanguardia, allo studio, alla prevenzione e alla mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici nell'ambito di collaborazioni di rilievo nazionale e internazionale» indica infine il colosso italiano dell'aerospazio, della difesa e della sicurezza.















  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma