Twitter, Francia contro insulti e messaggi razzisti

Sabato 29 Dicembre 2012 di Francesca Pierantozzi
(credits: bradruggles.com)
PARIGI - Potrebbe bastare un cancelletto per finire davanti al giudice in Francia. Troppi cinguettii antirazzisti, omofobi o antisemiti sulla timeline francofona di twitter avevano giÓ allertato il governo di Hollande, ma ieri l'hashtag di troppo ha fatto insorgere la portavoce del governo Najat Vallaud-Belkacem: non c'Ŕ posto per l'odio nella Repubblica francese di Twitter. Subito, giÓ il 7 gennaio, il governo francese intende aprire le discussioni con la piattaforma americana di microblogging per źprevenire la proliferazione di messaggi di odio sul social network╗.



Poco importa se l'insulto ├Ę strettamente limitato a 140 caratteri e se la direzione di Twitter invoca la neutralit├á sul contenuto dei messaggi che ospita: la Francia non ci sta. ┬ź├ł vanto della Francia aver iscritto nel codice penale la repressione dell'istigazione all'odio o alla violenza nei confronti di una persona per la sua origine, la sua appartenenza o non appartenenza a un'etnia, una nazione o per il suo orientamento sessuale┬╗ ha scritto la Vallaud-Belkacem in una tribuna su le Monde intitolata ┬źTwitter deve rispettare i valori della Repubblica. Sopprimiamo i messaggi di odio┬╗.



HASHTAG E INSULTI

┬źCi sono Paesi che hanno concezioni diverse - scrive la ministra - Ogni tradizione giuridica deve essere rispettata e questo significa che la societ├á Twitter deve fare in modo che messaggi inviati dal nostro territorio, nella nostra lingua e a destinazione dei nostri concittadini non contraddicano i nostri principi┬╗. La caccia all'odio cinguettante ├Ę dunque aperta in Francia. Il primo hashtag a provocare scandalo e polemiche era stato tre mesi fa #UnBonJuif, ovvero #UnBuonEbreo. Oltre le migliaia di tweet spiritosi o autoironici, molti altri si erano distinti per la virulenta carica antisemita. L'associazione degli studenti ebrei di Francia era alla fine riuscita a smuovere la neutralit├á della piattaforma americana e a far ritirare l'hashtag dello scandalo. Nelle scorse settimane la creativit├á di internauti francesi anti islam o anti gay ha per├▓ trovato nuove ispirazione. L'hashtag #SiMonFilsEstGay (SeMioFiglio├łGay) ha scatenato in questi giorni una nuova litania di invettive, alcune particolarmente violente come ┬źlo brucio┬╗ o ┬źgli preparo la bara┬╗. Poco prima, aveva scalato la vetta degli hashtag pi├╣ popolari, #SiMaFilleRam├ĘneUnNoir (SeMiaFigliaPortaUnNeroACasa), che ha fornito il pretesto a centinaia di francesi, quasi tutti adolescenti, per elucubrazioni razziste e anti-Islam.



RAZZISMO IN UN TWEET

Fonte di ispirazione per tweet razzisti anche l'hashtag #ChezLesNoirs, un invito a dire in 140 caratteri quali sono le usanze ACasadeiNeri o in alternativa #ChezLesArabes, ACasaDegliArabi. Se ieri sulla rete molti internauti invitavano il governo a ridimensionare la sua suscettibilit├á, assicurando che la stragrande maggioranza dei twitter francesi non ├Ę n├ę razzista n├ę odiosa, molti esponenti del partito socialista chiedono di fari rispettare i principi della R├ępublique ┬źanche se non si tratta di sguinzagliare la polizia su twitter┬╗. Fonti vicine a Najat Vallaud-Belkacem indicavano ieri che ┬źun invito formale ├Ę stato gi├á rivolto al responsabile di twitter in Francia e alla direzione americana┬╗ per aprire le discussioni.



Commentando la crociata del governo, il caporedattore del settimanale L'Express Eric Mettout si ├Ę mostrato molto scettico: ┬ź├ł un'ossessione tipicamente francese, cui si prestano regolarmente ministri in cerca di grandi cause: piegare il web e i social network alla buona educazione francese, a questo tiepido umanesimo (...) In breve, adattare il web al politicamente corretto (...) non funziona mai, ma se non fa bene, ├Ę vero anche che non fa nemeno un soldo di danno, e nel migliore dei casi, l'iniziativa fa parlare di s├ę┬╗.



I rapporti del governo francese con i social network sono stati d'altra parte conflittuali fin dall'inizio dell'era Hollande, funestata dal tweet della Premiere Dame, contro la candidatura alle legislative di Segol├Ęne Royal, ex compagna di Francois Hollande. Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre, 15:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma