Samsung lancia Galaxy Note 9: presentato a New York il nuovo top di gamma

Giovedì 9 Agosto 2018 di Francesco Malfetano
L’estate va verso la fine e, come da tradizione, anche quest’anno Samsung ha inaugurato la seconda stagione delle presentazioni degli smartphone più performanti. Il 9 agosto, nel corso di un evento speciale Unpacked al Barclays Center di New York, Samsung ha svelato il nuovo Galaxy Note 9: il flagship della casa coreana «pensato per i nostri acquirenti più leali - ha spiegato il presidente Dj Koh - per chi vuole tutto il meglio e prestazioni all’altezza sia per il lavoro che per il tempo libero». Note 9 è una sintesi tra il suo predecessore di linea, cioè il Note 8, e la famiglia S9 presentata a febbraio. Le caratteristiche principali rispettano quanto trapelato negli scorsi giorni e sono l’immancabile S Pen, rinnovata nell’aspetto e potenziata nelle funzioni, la maggiore durata della batteria e la nuova fotocamera intelligente con AI.

Al dispositivo spetta un compito importante, quello di rilanciare Samsung sul mercato degli smartphone dato che - per stessa ammissione dell’azienda - il Galaxy S9 ha avuto vendite al di sotto delle attese. E per farlo, la casa coreana, ha pensato a diverse strategie per invogliare i clienti ad acquistare. Tra queste una campagna internazionale di trade-in che valuterà fino a 600 euro il vecchio smartphone dei consumatori.
In Italia sarà disponibile a partire dal 24 agosto, nelle versioni da 128GB a 1.029 euro e 512GB a 1.279 euro, nelle colorazioni Ocean Blue, Midnight Black e Lavender Purple, ma dal 9 fino al 23 agosto è possibile preordinarlo. Inoltre, sarà possibile acquistare il Galaxy Note9 con la formula Samsung Smart Rent: i consumatori potranno ottenerlo con un anticipo di 99 euro e 24 rate da 44,90 euro (per la versione da 512 GB) e 35,90 euro (per la versione da 128 GB) con copertura contro danni e furto inclusa.

Ma a New York l’azienda coreana ha deciso davvero di stupire tutti presentando anche il nuovo Samsung Galaxy Watch dotato di connessione LTE che lo rende indipendente dallo smartphone. Nel corso della presentazione Tim Sweeney, creatore di Fortnite, ha anche annunciato l’arrivo del videogame sul sistema operativo Android e proprio su Galaxy Note 9. Lo smartphone infatti, grazie all’ampiezza dello schermo e la durata della batteria garantisce un’esperienza di gaming eccellente. Non finisce qui, l'azienda coreana ha anche annunciato un'importante novità per il prossimo anno: Galaxy Home, il nuovo assistente vocale Samsung.

CARATTERISTICHE
Il re della presentazione nella Grande Mela però, resta il Note 9 che nonostante le dimensioni della scocca sostanzialmente identiche al vecchio modello, vanta uno schermo di poco più ampio: 6,4 pollici con tecnologia Super AMOLED Quad HD+. Samsung, dopo le molte critiche piovute l’anno scorso, ha compiuto un deciso passo in avanti sull’autonomia del nuovo dispositivo. I 4.000 mAH del Nove - 21% in più rispetto al Note 8 - garantiscono senza dubbio la possibilità di arrivare a sera con un utilizzo normale. L'intelligenza artificiale di Bixby è inoltre sempre più al centro del progetto dell'azienda coreana, intregrata in ogni sua funzione consente di personalizzarne le azioni e gestire il telefono solo con la voce. 

Ma il vero punto forte del nuovo Galaxy Note 9 è la S Pen. L’ormai caratteristico “pennino” - la prima versione risale al 2011 - è disponibile in diverse colorazioni, che cambiano a seconda della scocca scelta (Nera per la versione Midnight Black, Gialla per Ocean Blu e in tinta per il Lavender Purple). Ma soprattutto per la prima volta ha integrato il bluetooth, per cui è possibile controllare il telefono da remoto. Un massimo di dieci metri di distanza dal dispositivo e un’autonomia da 30 minuti (la ricarica è velocissima, bastano 40 secondi) consentono, ad esempio, durante una presentazione, di gestire slides, ma anche gallery o app come YouTube e Spotify. Inoltre, con la nuova S Pen è possibile scattare selfie grazie al nuovissimo tasto integrato: con una pressione prolungata si avvia l’applicazione, con un solo click si riesce a scattare la foto, e con una doppio tap è anche possibile gestire le fotocamere.

PRESTAZIONI e FOTOGRAFIA
A spingere il Note 9 sarà il “classico” Exynos, processore proprietario dell’azienda coreana, supportato a seconda delle versioni, da 6 o 8 gb di ram e uno storage variabile da 128 gb e 512 gb. Anche per quanto riguarda il comparto fotografico non c’è nessuno stravolgimento:  sono stati potenziati i sensori di S9 Plus. Quindi ancora presente la doppia fotocamera da 12 megapixel con la fotocamera principale dotata di un diaframma a doppia apertura (f/1.5 e f/2.4). Ma soprattutto Samsung ha aggiunto il riconoscimento scene gestito dall’intelligenza artificiale - lo Scene Optimizer conta 20 diversi scenari riconosciuti - e una modalità che segnala agli utenti gli eventuali errori presenti nella foto dopo averla scattata. Ad esempio vengono subito segnalati una foto mossa, una persona con gli occhi chiusi o i dettagli bruciati.

BUSINESS PHONE
Il Note 9, è bene ricordarlo, non è una evoluzione di S9 ma è un modello particolare dedicato ad una fascia di clienti che ha esigenze specifiche. Per questo motivo Samsung ha introdotto importanti novità per i suoi utenti business. Tra queste soprattutto l’all-in dell’azienda coreana sul sistema Dex, e cioè sulla possibilità di considerare lo smartphone come un ufficio da portare in tasca. Attraverso un semplice cavo - un adattatore HDMI - è possibile infatti collegare il Note 9 a un display e avere a disposizione un vero e proprio pc. Il mouse? È lo schermo dello smartphone. La tastiera? Anche. E se uno dei problemi della scorsa edizione di Dex era il surriscaldamento del telefono, questa volta non dovrebbero esserci inconvenienti in tal senso grazie all’innovativa tecnologia di raffreddamento “water-carbon cooling system”. Samsung ha inserito una piccolissima quantità d’acqua dietro al processore, in questo modo riesce a garantire una dissipazione del calore ottimale grazie al vapore generato e a un piccolo filtro in carbonio presente nel dispositivo. Anche in questo campo, ovviamente, è determinate l’apporto dell’Intelligenza Artificiale che gestisce in maniera autonoma il processo.

SMARTWATCH e NOVITA’
La seconda grande novità della presentazione newyorchese è il nuovo Galaxy Watch porta con sé le migliori soluzioni dell’ecosistema Samsung con una durata della batteria aumentata, connettività LTE, caratteristiche pensate per il fitness e un design accattivante in 3 diverse colorazioni: Midnight Black, Silver e Rose Gold. L’azienda coreana, oltre all’autonomia di circa 7 giorni, ha deciso di puntare forte sull’universo femminile - oltre alla colorazione rosa anche le dimensioni più contenute strizzano l’occhio alle donne - e al mondo del benessere. Galaxy Watch infatti, offre un nuovo sistema di monitoraggio dello stress che consiglia esercizi di respirazione e anche un tracciamento del livello di riposo durante il sonno. Disponibile in due dimensioni, da 1.2 e 1.3 pollici, arriverà in Italia a partire dal 7 settembre, con prezzi che vanno da 309€ fino a 329€.


SCHEDA TECNICA GALAXY NOTE 9
Schermo: 6.4 pollici, Quad HD+ Super AMOLED, 2960x1440 (516ppi)

Camera posteriore: Dual Camera con Dual OIS (Optical Image Stabilization)

           - Wide-angle: Super Speed Dual Pixel 12MP AF, F1.5/F2.4, OIS

           - Telephoto: 12MP AF, F2.4, OIS

           - 2X optical zoom, up to 10X digital zoom

Camer frontale: 8MP AF, F1.7

Dimensioni: 161.9 x 76.4 x 8.8mm, 201g, IP68 (BLE S Pen: 5.7 x 4.35 x 106.37mm, 3.1g, IP68)

Memoria: 6GB RAM (LPDDR4), 128GB + MicroSD slot (up to 512GB)

oppure 8GB RAM (LPDDR4), 512GB + MicroSD slot (up to 512GB)

Batteria: 4.000 mAh

Sistema operativo: Android Oreo 8.1

Rete: Enhanced 4x4 MIMO, 5CA, LAA, LTE Cat.18

Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac (2.4/5GHz), VHT80 MU-MIMO, 1024QAM,
Bluetooth® v 5.0 (LE up to 2Mbps), ANT+, USB Type-C, NFC, Location (GPS, Galileo*, Glonass, BeiDou*)

Pagamento: NFC, MST

Sistemi di autenticazione: Pin, Password, Iris Scanner, Fingerprint Scanner, Facial Recognition Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 10:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti