Nuova Zelanda, consegnata prima pizza via drone

Mercoledì 16 Novembre 2016 di Alessio Barbati
Domino's Pizza lo aveva promesso ad agosto e ha mantenuto la parola. Il colosso americano della ristorazione ha effettuato la sua prima consegna via drone in Nuova Zelanda, mercoledì alle 11.19 ora locale. A riferirlo è la stessa azienda che, in un comunicato stampa, ha assicurato il benestare dell'autorità dell'aviazione civile del paese. Un signore di Whangaparaoa, sobborgo 25 chilometri a nord di Auckland, ha visto arrivare direttamente dal cielo le sue pizze al pollo e ai mirtilli.

La consegna è stata possibile grazie alla partnership con Flirtey, una startup che si occupa di distribuzione via drone e il volo, controllato autonomamente tramite GPS, è stato supervisionato da un team di esperti. Domino's sembra essere sicura della strada intrapresa, annunciando che la sperimentazione proseguirà per tutta la settimana, in attesa di valutare altri mercati tra cui Australia, Belgio, Francia, Olanda, Giappone e Germania.

«Effettueremo altre consegne ai clienti di Whangaparaoa questa settimana e utilizzeremo le informazioni che raccogliamo per espandere l'area di volo» conferma Don Meij, amministratore delegato di Domino's. Meij ha voluto rassicurare anche chi teme di perdere il lavoro perchè sostituito da un robot, spiegando che le consegne via drone creeranno invece nuove figure professionali specializzate. «Ci aspettiamo che il nuovo drone sia un elemento essenziale per la nostra flotta di consegna. Espandendoci cercheremo di assumere altri membri del team che si occuperanno delle ordinazioni, della gestione e del carico della flotta».


IL PRIMO TEST DI AGOSTO
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi