Facebook di nuovo nella bufera, Nyt: «Accessi dati degli utenti a società cinesi, c'è anche Huawei»

Mercoledì 6 Giugno 2018
4

Non si placa la bufera su Facebook: dopo lo scandalo Datagate, il New York Times accusa il social network di Zuckerberg di aver siglato accordi per condivisione dei dati con almeno quattro società di elettronica cinesi inclusa Huawei, il colosso delle telecomunicazioni nel mirino dell'intelligence americana che la ritiene una minaccia alla sicurezza nazionale. Secondo il Nyt gli accordi sono stati siglati nel 2010. Gli altri big cinesi coinvolti sono Lenovo, Oppo e TLC.

LEGGI ANCHE: Datagate, Zuckerberg al Parlamento europeo: «Via i bulli da Facebook»
LEGGI ANCHE: Facebook, l'analisi: «In Italia boom di ricerche online su come cancellarsi dal social»

Gli accordi sono ancora in vigore, anche quello con Huawei che facebook si impegna però a rescindere entro la fina settimana. L'indiscrezione del New York Times sull'accesso dei dati a società cinesi fa seguito ai rumors sugli accordi di Facebook per la condivisione dei dati con alcuni dei maggiori produttori di dispositivi mobili al mondo, fra i quali Amazon, Apple, Blackberry e Samsung. Tutte le intese sono state raggiunte da Facebook quando puntava a promuovere il social network presso un maggior numero di utenti a partire dal 2007. Nel caso delle società cinesi, Facebook precisa che per Huawei i dati condivisi restavano sui cellulari, non sui server.

Ma questo non basta a placare le polemiche: Huawei è nel mirino della politica americana da tempo, un pò come lo è ZTE, tanto che l'intelligence statunitense ha consigliato nei mesi scorsi agli americani di non acquistare cellulari Huawei, colosso che riceve miliardi di dollari da Pechino per espandersi all'estero. Su pressing politico At&t ha fatto saltare all'ultimo minuto l'alleanza con Huawei, in base alla quale avrebbe dovuto vendere i dispositivi cinesi attraverso la sua rete di distribuzione. Nessun accordo per la condivisione dei dati è stato invece firmato con Zte, il colosso prima vittima delle sanzioni americane e sul quale Donald Trump sta lavorando a un salvataggio su richiesta del presidente cinese Xi Jinping. Fra le altre società cinesi con le quali Facbeook ha stipulato accordi c'è TLC, che ha accusato l'amministrazione Trump di avere pregiudizi nei confronti delle società cinesi. E c'è Lenovo, che ha di recente accantonato le sue ambizioni per rilevare Blackberry dopo che il governo canadese ha segnalato che un tale accordo avrebbe compromesso la sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 00:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Le case sequestrate ai Casamonica, tra fiction e realtà

Colloquio di Alvaro Moretti e Ernesto Menicucci