Driveclub, su Ps4 il primo “social racing game” disegnato sui dati della Nasa

Giovedì 25 Settembre 2014

I videogiochi "social" rispecchiano il crescente desiderio di condivisione della "team generation", come Ť stata ribattezzata quella fetta (il 61%) di giovani fra i 14 e i 34 anni che, secondo una ricerca Doxa, fanno parte (o hanno di recente fatto parte) di una squadra o di un team.

Sono circa 7-8 milioni di ragazzi e ragazze, accomunati da una passione che diventa una "tessera" o un luogo fisico in cui ritrovarsi, secondo la ricerca realizzata su un campione di 500 persone e commissionata da PlayStation (Sony Computer Entertainment Italia) in occasione della presentazione di DriveClub, definito il primo racing game "sociale".

Come si legge nel comunicato sullo studio, a guidare la graduatoria di queste occasioni di socialit√† sono due principali elementi: da un lato lo sport (per il 71%), dall'altro l'impegno sociale e volontariato (25%), a seguire la musica (7%) e la cultura (7%). Dai dati Doxa emerge anche che 1 giovane su 4 ama giocare insieme ad amici che vivono in ogni parte del mondo attraverso videogame multigiocatore, e il 19% si dice molto interessato a farlo al pi√Ļ presto. Il 41% guarda in maniera decisamente positiva a un futuro in cui i videogiochi potrebbero diventare sempre pi√Ļ "socializzanti" e condivisi, mentre la dimensione del gioco individualistica e in solitaria √® preferita dal 16% del campione.

IL VIDEOGAME

DriveClub, che sar√† disponibile dall'8 ottobre in esclusiva per PlayStation 4, rientra appunto nella categoria dei “social racing game”.

√ą un gioco di corse il cui punto di forza √® la squadra: l’utente pu√≤ anche scegliere di giocare da solo, ma se vuole fare la differenza e vincere le gare che davvero contano, dovr√† creare il suo club o entrare a far parte di uno gi√† esistente e mettere le proprie abilit√† a disposizione dei compagni di squadra. Potr√† succedere che, a volte, debba mettere da parte l’orgoglio e rallentare per “dare strada” a qualcuno del suo team che ha totalizzato il punteggio migliore.

Driveclub, assicura il team, sar√† particolarmente curato, sopratutto negli scenari di gioco. Tanto che gli sviluppatori hanno deciso davvero di fare le cose in grande: ¬ęsono stati utilizzati i dati della NASA per ricreare fedelmente le costellazioni e per mappare paesaggi e catene montuose in modo cos√¨ reale da avere la sensazione di essere davvero in movimento durante la guida¬Ľ, si annuncia in una comunicato, ¬ęogni localit√† ha una prospettiva visiva il cui orizzonte arriva fino a 200 km e che simula la curvatura terrestre, sia per il cielo che per il terreno; sui tracciati pi√Ļ settentrionali, di Norvegia, Scozia e Canada, √® possibile ammirare l'aurora boreale¬Ľ.

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 21:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani