Informazione sicura: caccia alle fake news con il progetto Fandango

Domenica 25 Novembre 2018
Caccia aperta alle fake news grazie all'intelligenza artificiale. Il progetto Fandango, nato da un consorzio europeo nell’ambito dei progetti Horizon, ritiene che proprio l’Intelligenza Artificiale sia la soluzione migliore per stanare le fake news, causa primaria della disinformazione dell’intera società. Lo scopo di Fandango è svelare la verità, renderla evidente al fine di creare un flusso di informazione più sicura a livello sociale.

Il progetto europeo, in cui Live Tech è protagonista insieme ad altri partner quali Engineering, CERTH, Siren Solution, VRT, Civio, Università Politecnica di Madrid e ANSA, ha l’obiettivo di fornire agli stakeholder del settore giornalistico degli indici di affidabilità della notizia, basati su una combinazione di elementi che aiutino a rivelarne la verità. L’intento è quello di "addestrare" un modello di Intelligenza Artificiale che, imparando nel tempo, possa intercettare le fake news prima che queste si propaghino, portare alla luce la verità ed eliminare alla radice il problema della disinformazione.

Per svelare l’aletheia di una news, la tecnologia alla base di Fandango combina diverse tipologie di analisi: 
- uso di algoritmi in grado di riconoscere e identificare le relazioni che sussistono all’interno del testo e del titolo della notizia, nelle frasi e nelle relazioni che si instaurano tra le parole e la loro frequenza;
- analisi semantica per incrociare le diverse fonti informative e autori - fact checking - cosi da verificare l’attendibilità dei fatti contenuti in una notizia. Vengono, inoltre, accertati avvenimenti e informazioni (dati compresi) citati all’interno del testo;
- analisi multimediale per identificare le connessioni che sussistono tra contenuti audio, foto e video e gli argomenti trattati nell’articolo preso in esame;

Live Tech, in particolare, ha messo a disposizione la sua tecnologia DS4biz per addestrare una serie di algoritmi in grado di effettuare un’analisi delle fake news a livello sintattico. Esamina, a livello lessicale, i pattern ricorrenti all’interno del testo e del titolo con lo scopo di individuare quali sono i costrutti regolari presenti nelle fake news.

Per esercitare il modello, il progetto ha preso in esame notizie particolarmente calde e complesse quali il cambiamento climatico, l’emigrazione e la politica europea che, nella cronaca attuale, risultano avere un forte impatto negativo sull’informazione a livello globale.

Attraverso la combinazione di un’analisi dei contenuti e della sintassi, il confronto tra le fonti e la verifica di coerenza con componenti multimediali si genera un output a 360° rivolto ai Data Journalist. Questi per primi entrano nel flusso di comunicazione, vivono a stretto contatto con le notizie generando un’eco importante nella loro diffusione. L’analisi completa, operata da Fandango, fornisce una serie di campanelli d’allarme sulla veridicità della news al fine di facilitare e velocizzare il lavoro di verifica del giornalista.

l progetto Fandango, avviato a gennaio 2018, terminerà a dicembre 2020 con la creazione di un servizio rivolto non solo al mondo del giornalismo e della comunicazione digitale ma nel tempo anche e soprattutto, alla società digitale. © RIPRODUZIONE RISERVATA