Facebook, ore a guardare post violenti: i moderatori vittime di disturbi psicologici

Mercoledì 27 Febbraio 2019 di Paolo Travisi
Immagini e post violenti da guardare e leggere per ore. Ogni giorno. Questa è la vita dei moderatori di Facebook, persone che vengono assunte per controllare i contenuti caricati sulle pagine del social. Contenuti, che spesso violano le regole della piattaforma e quindi devono essere verificati con attenzione. Un articolo del sito di tecnologia The Verge ha descritto l'impatto di questi post sulla qualità di vita di molti moderatori, che dopo settimane iniziano a manifestare sintomi di disagio psichico, come ansia, depressione, incubi notturni, attacchi di panico. "Migliaia di video, immagini e trasmissioni in diretta di abusi sessuali su minori, stupri, torture, bestialità, decapitazioni, suicidi e omicidi, teorie complottiste", questi i post da censurare, ha dichiarato qualche mese fa l'avvocato di un ex-moderatrice al giornale The Guardian, che ha fatto causa a Facebook, perché sofferente di disturbo da stress post traumatico a causa di una esposizione costante ad immagini violente.

L'inchiesta di queste settimane invece, ha preso in esame un gruppo di lavoratori anonimi di Cognizant, società californiana che impiega un migliaio di persone come moderatori, con uno stipendio da meno di 30 mila dollari l'anno, contro i 240 mila guadagnati da un interno di Facebook. Ma non è solo la retribuzione il problema sollevato dai dipendenti, e neanche gli orari di lavoro, nonostante la brevità delle tre pause accordate. Ma la routine di controllo dei post, che secondo le testimonianze raccolte si svolgerebbe senza un'accurata formazione e neanche un adeguato sostegno psicologico, come invece l'azienda ha dichiarato in un documento del luglio scorso, in cui garantiva supporto di specialisti e altri benefit legati al benessere. E poi un altro fattore altamente stressante, il fattore quantità/qualità, determinante per il prosieguo del contratto di lavoro.

Ogni moderatore, infatti, deve conoscere le linee guida di Facebook – un dossier di 15 mila parole - da applicare ai post da eliminare. Per ogni post ci sono al massimo 30 secondi di tempo per decidere, perché in una giornata di lavoro se ne visionano a centinaia. Se il moderatore ha una percentuale di affidabilità che scende sotto il 95% rischia il licenziamento. Dopo la pubblicazione dell'inchiesta di The Verge, Facebook ha pubblicato nella sua Newsroom un articolo di chiarimento delle condizioni contrattuali dei moderatori assunti da aziende esterne, spiegando di voler aumentare il controllo delle qualità di questi lavoratori.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma