CORONAVIRUS

Eolo, 150 milioni per connettere altri 1500 comuni: «Dopo Covid19 non si può aspettare ma evitare sprechi dello Stato»

Martedì 12 Maggio 2020 di Francesco Malfetano
Un piano di investimenti da 150 milioni di euro per portare a completamento la copertura della rete Fwa in 1500 Comuni, soprattutto al Sud. Ad annunciarlo oggi, 12 maggio, è Luca Spada. In una conferenza stampa il presidente e fondatore di Eolo ha annunciato di puntare ad azzerare il Digital Divide nelle ultime aree in Italia ancora non coperte da connessione ultraveloce. «Le regioni che ci vedranno più impegnati sono quelle del Sud ed in particolare Sicilia, Campania e Sardegna» ha detto, snocciolando anche i numeri attuali: ad oggi nel Meridione sono 500 i comuni coperti su 2109. Per questo la roadmap prevede la copertura di ben 600 altri comuni entro il 2021. «Portare internet ultraveloce nelle aree bianche è la nostra missione da 15 anni. Grazie ai 300 milioni di euro investiti negli ultimi tre anni la nostra rete raggiunge oltre 6.000 comuni e copre, già oggi, il 78% delle unità abitative che ricadono all’interno delle aree bianche del Paese. Dopo Covid-19 il Paese non può più aspettare».

In pratica, il progetto punta ad accelerare ulteriormente lo sviluppo della rete Fwa (acronnimo di Fixed Wireless Access) su frequenze a 28 GHz e quindi in grado di assicurare connessioni fino a 100 Megabit ed in futuro espandibili fino a 1 Gigabit. Una potenza di fuoco di cui oggi usufruiscono già 1,2 milioni di clienti e circa 70mila fra imprese e istituzioni locali, molte scuole e PA. Per questo, Spada ha approfittato dell'occasione per lanciare un appello alle istituzione, in particolare al MiSE e alla sua controllata Infratel Italia. Eolo chiede che anche la sua infrastruttura sia considerata nello sviluppo del piano Bul (Banda Ultra Larga) che prevede più o meno il 20% di copertura della rete pubblica proprio attraverso la tecnologia Fwa utilizzata dall'azienda di Busto Arsizio. «Il piano Bul prevede la realizzazione di impianti con tecnologia analoga a quella di Eolo, là dove la nostra rete è già presente. Non ha senso che lo Stato utilizzi soldi pubblici per andare a duplicare un'infrastruttura già esistente. Quegli investimenti andrebbero utilizzati per portare più fibra nelle case». La questione deriva dal fatto che Infratel quando si è occuapata di mappare le aree bianche non ha mai preso in consideratazione le reti realizzate dall'azienda di Spada così come da altri operatori. Una contorsione burocratica che non ha permesso di tenere conto di tutti i punti di forza già presenti nell'infrastruttura attuale. Per questo ora Eolo chiede un tavolo tecnico al MiSE - a quanto risulta al Messaggero, il Cobul però sta già lavorando in tal senso - a cui prendano parte anche le telco che si occupano nello specifico di reti Fwa. L'obiettivo, ovviamente, è non solo dare maggiore copertura di rete agli italiani ma evitare anche sprechi degli 1.7 miliardi già stanziati e bloccati in beghe burocratiche. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani