INSTAGRAM

WhatsApp, dark mode: ora la chat ha lo sfondo scuro, come attivarla su Android e iOS

Martedì 3 Marzo 2020 di A. A.
WhatsApp, dark mode attiva: ora la chat ha lo sfondo scuro, come attivarla su Android e iOS

Anche WhatsApp è diventato dark: a partire da oggi e nei prossimi giorni, sia per disposiviti Android che per iPhone, è disponibile l'aggiornamento dell'applicazione di messaggistica che prevede la possibilità di attivare lo sfondo scuro. Una funzionalità, la cosiddetta “dark mode”, introdotta prima da iOS, il sistema operativo di Apple, e poi adottata anche da Facebook, che l'ha aggiunta alle sue piattaforme, da quella del social network dal logo blu fino a Messenger e Instagram. E ora, appunto, anche a WhatsApp, che proprio di recente ha raggiunto i 2 miliardi di utenti nel mondo.

Leggi anche: WhatsApp, le nuove “faccine” del 2020: una è dedicata agli italiani

Il nuovo look scuro, che a quanto sottolinea lo staff di WhatsApp serve per migliorare la leggibilità riducendo al minimo l'affaticamento degli occhi, specie in ambienti poco illuminati, funziona su smartphone sia con sistema operativo Android che iOS. Gli utenti su Android 10 e iOS 13 possono utilizzare la dark mode attivandola nelle impostazioni di sistema. Gli utenti di Android 9 e versioni precedenti andando nelle Impostazioni > Chat > Sfondo > e selezionando “Dark”.

Leggi anche: Whatsapp, attenzione al virus di San Valentino: dati sensibili a rischio

Insomma, al di là dell'aspetto puramente estetico, che però in quanto tale è soggettivo, il vantaggio più evidente (il termine non è casuale) della nuova modalità scura sarà poter utilizzare lo smartphone al buio senza rimanere abbagliati dal bianco accecante dello schermo. Una situazione molto comune e ben riassunta dal video (qui il link) che WhatsApp ha pubblicato per lanciare ufficialmente la dark mode.

Ecco com'è su smartphone Android:

Ecco com'è su iPhone:

Ultimo aggiornamento: 22:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua