CORONAVIRUS

Coronavirus e ristoranti, app anti contagio: prenota il posto, ordina il menù e paga il conto con il cellulare

Lunedì 27 Aprile 2020
Coronavirus e ristoranti, app riminese per la fase 2: prenota il posto, ordina il menù e paga il conto con il cellulare

Il posto lo si può scegliere da casa direttamente dallo smartphone o dal tablet: così una volta arrivati al ristorante sarà tutto più semplice. A cominciare dal fatto che si può ordinare i piatti e pagare sempre sul cellulare. Una rivoluzione, forse un po' asettica, ma utile per quando si riapriranno le porte dei locali. A sviluppare questa nuova modalità l'azienda riminese Lasersoft  che ha creato qualche anno fa l'app Myselforder. «All'epoca ci dicevano: perché i ristoranti dovrebbero togliere i menù e sostituirli con una app sul telefonino?», ricorda Antonio Piolanti. Ora, con le restrizioni anti-contagio, l'intuizione di allora «si può rivelare molto utile».

Coronavirus, «I congiunti sono anche i fidanzati». De Micheli: «Divieto di raggiungere le seconde case»

Fase 2, protesta il mondo gay: «Congiunti sono un riferimento inaccettabile»

Il cliente scarica l’App MySelfOrder, sceglie il ristorante preferito oppure quello più vicino grazie al servizio di geolocalizzazione, esplora il menu e successivamente indica il tavolo dove è seduto se vuole consumare all’interno del locale, oppure l’indirizzo e l’orario per la consegna a domicilio o per il ritiro.Ad oggi l' app è stata già venduta a circa 300 locali pubblici. «Ci chiamano da tutta Italia, abbiamo venduto il nostro programma anche a ristoranti della Sardegna, del Veneto, di Roma», prosegue l'imprenditore. Prima si prenota il posto da casa, poi, una volta seduti al tavolo, si ordinano i piatti sempre tramite smartphone e con lo stesso sarà possibile pagare il conto. «Stiamo lavorando a un programma specifico per gli alberghi - conclude Piolanti -, che permetterà di aiutarli nella gestione di check-in e check-out. Una soluzione che eviterà assembramenti e consentirà ai clienti di fornire i dati e pagare evitando code alla reception».

 

 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani