Caricabatterie standard, Apple contro la proposta dell'Ue: «Soffocherebbe l'innovazione»

Sabato 25 Gennaio 2020
Caricabatterie standard, Apple contro la proposta dell'Ue: «Soffocherebbe l'innovazione»

L'ipotesi Ue di standardizzare i caricatori per tutti i tipi di smartphone e dispositivi di Tlc non piace alla Apple. «Riteniamo - ha fatto sapere l'azienda di Cupertino in una nota - che una regolamentazione sulla standardizzazione dei connettori installati in tutti i tipi di smartphone soffocherebbe l'innovazione invece di incoraggiarla, e danneggerebbe i consumatori in Europa e l'economia in generale». La Commissione Europea, l'organo esecutivo del blocco, sta lavorando ad una legislazione volta al taglio dei rifiuti elettronici, dopo un approccio volontario basato su standard industriali che non ha soddisfatto le aspettative, secondo un funzionario dell'Ue.

LEGGI ANCHE --> Virus Cina, ragazza mangia un pipistrello al ristorante, animale da cui si sospetta sia partita la malattia

I legislatori europei si sono lamentati del fatto che i consumatori sono spesso obbligati a portare in giro caricatori diversi per dispositivi simili. I cosiddetti caricatori e cavi "lightning" utilizzati per i prodotti di Apple non sono compatibili con i dispositivi di Samsung o altre aziende di elettronica. Apple vende questi accessori ad un prezzo elevato, ma la loro standardizzazione ne ridurrebbe drasticamente il costo, oltre ad una porzione dei profitti della società di Cupertino. L'Unione Europea prevede che il volume di rifiuti elettronici aumenterà di oltre 12 milioni di tonnellate entro la fine del 2020, rendendolo uno dei cosiddetti «flussi di rifiuti» in più rapida crescita. «La quantità di cavi e caricabatterie prodotti e gettati via ogni anno è semplicemente inaccettabile», ha affermato Roza Thun und Hohenstein, vicepresidente della commissione per il mercato interno del Parlamento europeo, in un dibattito parlamentare all'inizio di gennaio. Ha sollecitato la commissione a presentare una proposta legislativa entro i prossimi sei mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani