Djokovic re di Wimbledon, finale epica. Federer battuto 13-12 al 5° set: «Ora devo dimenticare»

Domenica 14 Luglio 2019 di Guido Frasca
2
Djokovic re di Wimbledon, finale epica. Federer battuto 13-12 al 5° set: «Ora devo dimenticare»

Novak Djokovic trionfa a Wimbledon. La finale perfetta, un livello spaziale con giocate al limite del reale. Una finale storica anche perché per la prima volta si è giocato il tie break decisivo sul 12-12 pari, novità introdotta quest'anno. Una finale leggendaria in cui Federer ha chiuso facendo più game e punti di Djokovic (218 contro 204), ma che alla fine ha premiato il giocatore capace di dare il meglio momenti decisivi. Come quando nel terzo set, dopo aver vinto il primo molto equilibrato al tie break e mollato troppo velocemente il secondo dominato dallo svizzero, ha annullato un set point al rivale sul 4-5 con una prima vincente.

Serena Williams battuta in due rapidi set, la regina di Wimbledon è Simona Halep

Drammatico poi il quinto e decisivo parziale in cui il campione di Belgrado ha spezzato il sogno dello svizzero che a 37 anni e 11 mesi giocava la 12esima finale a Wimbledon (la 31esima negli Slam) e puntava a portare a casa il nono trionfo sul prato più famoso del mondo. Nole è stato avanti di un break (4-2), ha subito la rimonta dello svizzero (4-4), che ha centrato il break sul 7-7 ed è andato a servire per il match sull'8-7. In un battito d'ali Federer è passato da due match point (sul primo ha sbagliato un diritto in uscita dal servizio e sul secondo invece è stato fulminato dal passante di diritto dell'avversario) al dover servire per restare in partita. Sull’11 pari l’Occhio di Falco ha dato una palla break a Federer, che però ha sbagliato con il rovescio.  
 

 

Wimbledon, Kate Middleton premia Djokovic e consola Federer con una carezza

Ancora l’Occhio di Falco ha dato allo svizzero una seconda chance per tornare a servire per il match, ma Nole si è scaraventato a rete ad annullarla. Federer poi ha sbagliato con il diritto e il serbo è salito 12-11, garantendosi l’opportunità di approdare al primo tie break della storia sul 12 pari. King Roger ha tenuto a zero il turno di battuta, ma ancora una volta il tie break ha premiato Djokovic: il serbo ha centrato il mini break al terzo punto, complice un serve and volley troppo azzardato da Federer, che ha spedito la demi-volée in corridoio. Lo svizzero non ha recuperato più il mini break e con una steccata di diritto ha consegnato la vittoria al serbo (7-3). A Federer non sono bastati 25 ace e 94 vincenti a fronte di 62 gratuiti (54 i vincenti di Djokovic a fronte di 52 gratuiti). Una finale splendida che resterà nella storia del tennis.

Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 11:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma