US Open, resta solo Fognini: eliminati Seppi, Lorenzi e Sonego

Giovedì 30 Agosto 2018 di Guido Frasca
Ci resta solo Fabio Fognini, testa di serie numero 14, che oggi torna in campo nel match di secondo turno contro l'australiano John Millman. Nella terza giornata dello Slam newyorkese sul cemento di Flushing Meadows si sono fermati al secondo ostacolo Andreas Seppi, Paolo Lorenzi e Lorenzo Sonego nel torneo maschile e Camila Giorgi nel femminile.

Ha sfiorato il colpaccio Seppi, che si è arreso solo al quinto set al Next Gen canadese Denis Shapovalov, numero 28 del ranking e del seeding. Il 34enne altoatesino, alla quindicesima partecipazione agli US Open, ha messo alle corde il rivale più giovane di 15 anni, ed è anche stato avanti due set a uno: 6-4 4-6 5-7 7-6 (2) 6-4 dopo tre ore e 47 minuti il punteggio in favore del talentuoso mancino nato a Tel Aviv da genitori canadesi. Lorenzi, numero 94 Atp, alla settima partecipazione (12 mesi fa aveva raggiunto gli ottavi), ha ceduto nettamente all'argentino Guido Pella, numero 66 Atp: 7-5 6-0 6-2 per il tennista sudamericano. Sonego, 23enne torinese numero 121 del ranking, ripescato come lucky loser, è stato battuto dal russo Karen Khachanov, 27esima testa di serie: 7-5 6-3 6-3.

Finisce al secondo turno anche l’avventura delle Giorgi. La 26enne di Macerata, numero 40 della classifica mondiale, che agli US Open vanta gli ottavi nel 2013, ha ceduto per 6-4 7-5 in un’ora e 51 minuti di partita giocata con un caldo torrido sul nuovo Louis Armstrong Stadium alla statunitense Venus Williams, testa di serie numero 16, 38 anni. Camila è stata in vantaggio di un break in entrambi i set e ha avuto diverse occasioni per allungare, ma alla fine ha prevalso la maggior esperienza e solidità della campionessa americana che a Flushing Meadows vanta due titoli , anche se si parla di oltre 15 anni fa (2000 e 2001). La partita è definitivamente girata dalla parte della maggiore delle sorelle Williams quando, sul 4-4 del secondo set, l'azzurra si è trovata 40-0 sul servizio della rivale e non ha sfruttato l'occasione.

Nel torneo maschile non ci sarà al terzo turno la sfida tra due "past champions" come Juan Martin Del Potro e Andy Murray. Se l’argentino, testa di serie numero 3 e vincitore di questo torneo nel 2009, ha rispettato il pronostico battendo lo statunitense Denis Kudla, numero 72 Atp (6-3 6-1 7-6), si è invece fermato già al secondo turno il cammino dello scozzese, che tornava a giocare uno Slam dopo oltre un anno (l’ultimo era stato Wimbledon 2017). Il 31enne di Dunblane, attualmente numero 382 Atp dopo la lunga assenza per l’infortunio all’anca e l'operazione dello scorso gennaio, ha ceduto in quattro set allo spagnolo Fernando Verdasco, 31esima testa di serie: 7-5 2-6 6-4 6-4.

Manda segnali confortanti Stan Wawrinka, vincitore del titolo a New York nel 2016. Lo svizzero è per la prima volta al terzo turno di uno Slam dopo la doppia operazione al ginocchio sinistro della passata stagione. Ha però dovuto lottare quattro set per avere ragione del giovane francese Ugo Humbert, numero 139 Atp, proveniente dalle qualificazioni: 7-6 (5) 4-6 6-3 7-5. Prossimo test il canadese Milos Raonic, 25esima testa di serie, che ha travolto (6-4 6-3 6-4) il francese Gilles Simon, numero 40 del ranking mondiale. Bene anche il numero uno Nadal, che ha archiviato in chiusura di programma sull'Arthur Ashe Stadium la pratica Vasek Pospisil, canadese numero 88 Atp, in un paio di ore: 6-3 6-4 6-2 per il mancino spagnolo, detentore del titolo. Cinque set sono occorsi invece a Dominic Thien, testa di serie numero 9, per avere la meglio sullo statunitense Steve Johnson, numero 36 della classifica: 6-7 (5) 6-3 5-7 6-4 6-1 per l'austriaco.

Dopo la numero uno del mondo gli US Open hanno rischiato di perdere anche la campionessa in carica Sloane Stephens. La statunitense testa di serie numero 3, ha sofferto contro l’ucraina Anhelina Kalinina, numero 124 del ranking mondiale, passata attraverso le qualificazioni: 4-6 7-5 6-2 il punteggio in favore della Stephens e pass per il terzo turno.Vittorie comode per Serena Williams (doppio 6-2 alla tedesca Witthoeft), Elina Svitolina (6-2 6-3alla Maria), Karolina Pliskova (6-2 6-3 alla Bogdan) e Victoria Azarenka (6-1 6-2 alla Gavrilova). Proprio la 29enne bielorussa non giocava a New York dal 2015, quando raggiunse i quarti. E non si ritrovava al terzo turno di uno Slam dal torneo di Wimbledon dello scorso anno. Al terzo turno cii sarà l'atteso derby in famiglia tra Serena e Venus. Solo una volta che le due sorelle si sono affrontate nella prima settimana di uno Slam: 20 anni fa agli Australian Open. Sarà la sfida numero 30 tra le due sorelle con Serena in vantaggio 17-12.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani