Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alla Laver Cup l'ultima di Federer: «Giocherò solo il doppio. L'addio? Ho pianto, ma ora sono sollevato»

Lo Svizzero ai media: "A luglio ho iniziato a ridurre gli allenamenti, ora non so come sarà il futuro, ma non vorrei tenerlo lontano dal tennis"

Alla Laver Cup l'ultima di Federer: «Giocherò solo il doppio. L'addio? Ho pianto, ma ora sono sollevato»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Settembre 2022, 12:14

"Il mio addio? Non è stato facile, ero molto commosso. Mi è scesa qualche lacrima, ma sono felice di aver fatto il passo". Roger Federer torna sul momento che ha sancito la fine della sua vita agonistica, quando il 15 settembre scorso ha annunciato al mondo che Rod Laver Cup sarà il suo ultimo impegno. Così in un incontro con i media a Londra, alla vigilia della manifestazione da lui stesso ideata, ha ufficializzato che la sua ultima partita sarà un doppio, probabilmente venerdì sera, 23 settembre 2022. "Era già chiaro in anticipo che avrei giocato solo in doppio. Ecco perché arrivare fino a giocare agli Swiss Indoors a Basilea non era più un'opzione praticabile. Ora che ho fatto l'annuncio, sto meglio. Scrivere la lettera di commiato mi ha richiesto molte energie. È stato molto commovente, soprattutto per i miei genitori e Mirka. Ma ora riesco a parlare serenamente di questo addio, non me lo aspettavo. Sono molto sollevato e felice di aver fatto il percorso che ho fatto".

Il momento giusto

Come svelato dallo stesso Federer, la scelta definitiva sul fine carriera è arrivata pochi giorni dopo Wimbledon, a luglio. "Il ginocchio non stava progredendo. In estate sentivo che i miei progressi non erano soddisfacenti e che il mio ginocchio non andava bene. Mi sono chiesto che senso avesse andare avanti così. So che è la decisione giusta, l'unica buona decisione". Nessun dettaglio ulteriore sui problemi all'articolazione ("questione privata") ma lo svizzero appare positivo: "Spero di essere in forma per il doppio. A luglio ho iniziato a ridurre sempre di più gli allenamenti, ma volevo comunque tenermi in forma. Sono abbastanza sorpreso di come sto giocando bene nella mia preparazione per il torneo".

Futuro

In ogni caso Federer non abbandonerà la racchetta: "Non so come sarà il futuro, ma vorrei non tenerlo del tutto lontano da questo sport, che mi ha dato tutto. Mi piacerebbe continuare ad esibirmi in qualche partita e so che ho ancora la possibilità di riempire gli stadi". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA