Federer: «Tokyo? Si decida in fretta, c'è un'atmosfera negativa»

Federer: «Tokyo? Si decida in fretta, c'è un'atmosfera negativa»
2 Minuti di Lettura

Olimpiade si o no, parla un grande vecchio, Roger Federer. «Onestamente, non so cosa pensare. Mi piacerebbe giocare alle Olimpiadi e vincere un'altra medaglia per la Svizzera, cosa che mi rende davvero orgoglioso. Ma se i Giochi non si faranno a causa della situazione, sarei il primo a capire. Ma credo che ciò di cui hanno bisogno gli atleti in questo momento è una decisione certa: questa Olimpiade si fa o no?». Intervistato da Leman Bleu, emittente televisiva del suo paese, Roger Federer esprime le sue perplessità sull'opportunità che si svolgano i Giochi di Tokyo. «È difficile - ha detto ancora il 39enne ex n.1 del tennis -. Non se ne parla molto, e ciò mi fa pensare che l'Olimpiade si farà, anche se ho sentito che a Tokyo un sacco di gente non vorrebbe che si svolgessero». Intanto il Giappone, a dieci settimane dalla cerimonia di apertura, ha prolungato lo stato di emergenza, mentre l'ultima petizione popolare ha raccolto 350mila firme contro i Giochi. «La situazione è fluida - le parole di Federer -. Sembra che si faranno, e chi vuole dovrebbe decidere se andare. Ma se uno sente un'atmosfera negativa, di contrarietà alla manifestazione, forse è meglio non andare. Davvero non lo so...». Intanto il plurivincitore di Wimbledon fa sapere di essersi vaccinato con il Pfizer, «e sono felice di averlo fatto, visto quanto viaggio. Ma sarebbe lo stesso anche se stessi sempre in Svizzera, l'ho fatto per proteggere più la mia famiglia e gli altri che me stesso»

Sabato 15 Maggio 2021, 00:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA