Djokovic : «Due tornei a squadre? Sono troppi. Meglio puntare sulla qualità»

Giovedì 15 Novembre 2018
Secondo il serbo Novak Djokovic non è positivo per il tennis avere più di un torneo a squadre nella stagione, in riferimento alla versione rinnovata della Coppa Davis e della nuova Coppa del Mondo Atp. «Onestamente non penso che sia un bene per lo sport», ha detto il serbo dopo aver sconfitto il tedesco Alexander Zverev 6-4, 6-1 e messo piede nelle semifinali delle Atp Finals di Londra, il torneo che riunisce i migliori otto della stagione. Il serbo, che è il presidente del consiglio dei giocatori dell'Atp, ha descritto la situazione della Davis e della Coppa del Mondo come «delicata», ma è stato chiaro nel suo parere. «Penso che non sia sostenibile, accadrà che avremo due eventi, ma penso che creare un singolo evento sia uno scenario ideale, e mi sembra la conseguenza logica per tutti», ha spiegato Djokovic. «Abbiamo la stagione più lunga di tutti gli sport, aggiungiamo solo eventi, penso che dobbiamo concentrarci più sulla qualità che sulla quantità, dobbiamo lavorarci su, ma dobbiamo iniziare con qualcosa», ha aggiunto. La Coppa Davis, il torneo più emblematico per nazioni nel tennis, lascerà la prossima stagione il suo tradizionale format ad eliminazione e si giocherà in una sola settimana, nel novembre 2019 a Madrid. Da parte sua, l'Atp prevede di annunciare giovedì la sua Coppa del Mondo di tennis che inizierà a gennaio 2020. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Corinaldo, secondo i carabinieri sono 600 i biglietti venduti

di Mauro Evangelisti