Berrettini ci riprova: oggi sfida Federer. Nadal va ko

Lunedì 11 Novembre 2019 di Guido Frasca
Giusto un anno fa Matteo Berrettini era stato a Londra per le Atp University, requisito indispensabile per essere in regola con le norme del circuito all’ingresso nel mondo del professionismo. Alla O2 Arena era stato da spettatore: "Mi piace il campo tutto nero e adoro l’atmosfera e l’ambiente", racconta. Questa volta il 23enne gigante romano è tra gli 8 "maestri" delle Atp Finals e oggi (diretta Sky dalle 15) avrà di fronte Federer in un match già da dentro o fuori dopo che lo svizzero ha ceduto a Thiem (7-5 7-5 per l'austriaco). A Berrettini era toccato due giorni fa esordire contro il peggior avversario possibile: Djokovic, il miglior ribattitore del mondo (il 6-2 6-1 rimediato è eloquente). E non gli poteva andar peggio che dover sfidare nella seconda partita del suo girone un Federer costretto a vincere e che avrà tutto il pubblico dalla sua parte.

L'IDOLO DIVENTA AVVERSARIO
Matteo contro il serbo non ha particolarmente demeritato: semplicemente Nole è stato troppo forte. Ovvio che contro King Roger dovrà giocare meglio se vorrà tentare di dar vita a un match più equilibrato di quello perso racimolando solo 5 game negli ottavi a Wimbledon lo scorso luglio. "E' il mio idolo, l'ho sempre detto - sottolinea - affrontarlo sul Centre Court è stata un’emozione troppo forte da gestire. Però sognavo di rigiocarci. Sicuramente mi farò trovare più pronto dal punto di vista tattico e per quanto concerne la gestione delle emozioni". Il buonumore non gli manca: "Dove gli tirerò la prima di servizio nel primo punto alla battuta? Non glielo dico, altrimenti si prepara. Ma no, va bene: gliela tiro forte alla 'T'...". Di sicuro Federer avrà un bel carico di tensione addosso: è lui che ha tutto da perdere. "Da ora in poi è come se fosse un torneo normale, non posso più permettermi di sbagliare - dice il campione di Basilea - esattamente come è successo per ogni settimana della mia vita negli ultimi 20 anni. Berrettini con il suo servizio è molto pericoloso su questa superficie".

NADAL KO
Nell'altro girone è partito male Nadal, che ha confermato i dubbi della vigilia a causa dell'infortunio al muscolo retto addominale destro. Il maiorchino ha ceduto per 6-2 6-4 a Zverev. Nell'altra sfida Tsitsipas ha battuto contro pronostico Medvedev: 7-6 (5) 6-4. Un debutto da star per il primo greco a vincere un match alle Atp Finals: diverse discese a rete e punti da applausi per superare la disarmante resistenza del russo. 
Guido Frasca © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma