Atp Finals, Berrettini non ce la fa: «Il mio corpo non è pronto». Sinner prende il suo posto

Atp Finals, Berrettini non ce la fa: «Il mio corpo non è pronto». Sinner prende il suo posto
di Gianluca Cordella
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Novembre 2021, 17:28 - Ultimo aggiornamento: 19:48

Ci ha provato, Matteo Berrettini. Ma alla fine, saggiamente, ha deciso di fermarsi. Il dolore agli addominali era sopportabile, certo, ma il rischio di farsi male davvero era più che tangibile. E cisì il romano ha deciso di fare un passo indietro, di abbandonare le Atp Finals che, quantomeno, non perdono l'azzurro: il suo posto, infatti, sarà preso da Jannik Sinner che debutterà già questa sera, alle 21, contro l'amico (e al tempo stesso tabù) Hubert Hurkacz.

L'annuncio è arrivato via social. «Le mie Finals finiscono qui, sono distrutto, mai avrei pensato di dover rinunciare all'evento tennistico più importante mai tenutosi in Italia in questo modo» scrive Matteo, che ammette «il mio corpo non è pronto ad affrontare le sfide che ho davanti». «Dire che sono triste - aggiunge il tennista romano - non renderebbe giustizia allo stato d'animo in cui sono, mi sento derubato di qualcosa che ho conquistato con anni di sforzi e sudore. Non è stata una decisione facile, ma sono convinto che sia la migliore per me e per la mia carriera».

Berrettini si era ritirato nel mezzo del match inaugurale contro Sascha Zverev. Dopo aver perso il primo set 7-6, nel secondo gioco del secondo parziale si era fermato di colpo per un dolore agli addominali. Non era servito nemmeno il medical time out. Matteo ha provato a rientrare in campo ma dopo un punto ha alzato definitivamente bandiera bianca tra le lacrime. Lì è cominciata la corsa contro il tempo per il rientro. Gli esami aveva aperto uno spiraglio di ottimismo, tanto che Matteo fino a oggi pomeriggio si è allenato nella speranza di poter continuare il Masters. Poi la decisione, conservativa considerando che proprio per uno strappo addominale Berrettini era già stato in passato lontano dai campi di gioco. Ora tocca a Sinner, che era arrivato a Torino con la possibilità di poter prendere il posto di Stefanos Tsitsipas, che a Parigi-Bercy si era ritirato per un infortunio al gomito, e che ora - con il greco regolarmente in campo - si trova a giocarsi le proprie chance a spese del compagno di Coppa Davis. O meglio, di quello che avrebbbe dovuto essere il suo compagno di Davis a fine mese: un appuntamento che, a questo punto, con ogni probabilità sarà rimandato.  

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA