Antidoping, la positività di Farah dovuta a contaminazione alimentare: può tornare subito alle gare

Lunedì 10 Febbraio 2020
Robert Farah
Cade l'accusa di doping per Robert Farah. Ma la passione per le bistecche ha minacciato la carriera del tennista colombiano - n.1 al mondo nel ranking del doppio insieme con il connazionale Juan Sebastian Cabal -, sospeso dall'attività il 21 gennaio scorso per essere risultato positivo ad uno steroide anabolizzante in un test antidoping condotto ad ottobre. Farah, che ha dovuto rinunciare agli Open d'Australia, era risultato positivo al boldenone ma è riuscito a dimostrare di averlo assunto involontariamente durante una cena in un ristorante colombiano la sera prima del test a sorpresa e così è stato reintegrato con effetto immediato. In Colombia il boldenone è venduto su prescrizione veterinaria ed è molto usato nell'allevamento dei bovini ma è vietato dall'Agenzia mondiale antidoping (Wada). Nel 2018, il Comitato olimpico colombiano ha avvisato gli atleti nazionali della forte presenza di boldenone nel bestiame del Paese. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma