Rugby, il pilone Ferrari: «Contro gli All Blacks con la stessa grinta di Padova»

Martedì 20 Novembre 2018 di Christian Marchetti
Primo allenamento sul campo per gli All Blacks, al CUS Roma. Primo allenamento sul campo per l'Italia, al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti", all'Acqua Acetosa. In mezzo la pioggia, che minaccia la propria presenza anche sabato 24, a contorno, e qualcosa di più, a Italia-Nuova Zelanda (diretta tv Dmax dalle 14.15), ultimo capitolo dei test match novembrini da scrivere all'Olimpico. Gli azzurri di Conor O'Shea affronteranno i campioni del mondo in carica, ma anche tanti di quei fantasmi venuti fuori a Padova, sabato scorso, in occasione del match contro l'Australia.

OCCASIONI MANCATE
Esatto, anche oggi si è parlato di ferite aperte in casa Italia. Attacca Simone Ferrari, pilone in forza alla Benetton Treviso che contro i Wallabies ha giocato per la sedicesima volta in azzurro: "Analizzando la nostra ultima uscita sono emersi molti aspetti positivi. Specialmente nel secondo tempo, siamo entrati circa 15 volte nella loro ventidue ma finalizzato quasi niente. Un aspetto, questo, certo da migliorare. Dobbiamo concretizzare le opportunità che riusciamo a creare. Gli All Blacks restano tra i più forti al mondo, se non i più forti, nonostante la sconfitta con l'Irlanda".
Eppure, continua il 24enne di Cernusco sul Naviglio, "sappiamo che palla in mano possiamo essere pericolosi e allora non c'è pressione".

BILANCI
A dire il vero, la pressione si taglia col machete. Ma c'è anche tanta voglia di rivalsa. Il compagno di franchigia di Ferrari, Tommaso Benvenuti, canta lo stesso ritornello per poi sintetizzare: "Dovremo sfruttare quelle occasioni".
Chicago, Firenze, Padova e sabato Roma. Che Italia esce dai test di novembre? Il trequarti ala di sabato scorso non vuole parlare di bilanci. "Troppo difficile al momento. Certo abbiamo offerto ottime prestazioni. Con la Georgia soprattutto, mentre con l'Australia sarebbe potuto andare tutto diversamente. Prima ancora c'è stata l'Irlanda e quella prestazione macchia un po' il nostro novembre, ma parliamo comunque di un team riuscito a sconfiggere la Nuova Zelanda. Hanno offerto un altissimo livello e ci hanno colto impreparati".  
Il disappunto che si mescola alla volontà di rinascita. Gli All Blacks, punti sul vivo dal XV del Trifoglio, non arrivano però nel momento migliore. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Animali in fila dal veterinario, l'attesa diventa una mostra

di Marco Pasqua