Rugby, Sei Nazioni Under 20: azzurrini a sorpresa ko di un punto, la Scozia vince in rimonta

Venerdì 21 Febbraio 2020 di Christian Marchetti
Serata amara per l'Italia Under 20 di Fabio Roselli. Al "Mirabello" di Reggio Emilia, gli Azzurrini perdono 30-29 dalla Scozia alla terza uscita nel Sei Nazioni 2020 di categoria. Baby Highlanders che, dal canto loro, si prendono una bella rivincita dopo gli scivoloni delle ultime due edizioni e passano in rimonta: dal 29-18 del 60' al 29-30 finale, aiutati, nell'ultimo quarto di gara, dall'indisciplina dei padroni di casa dopo un confronto caratterizzato da grande equilibrio e continui rovesciamenti di fronte. A ciò si aggiunge poi il giallo buscato da Hasa al 73'. Per l'Italia la consolazione dei 2 punti in classifica per il doppio bonus difensivo+mete realizzate, cui fanno però da contraltare i 5 dei ragazzi in blu.
Gli ospiti partono forte, nonostante una generosa difesa dall'altra parte. Sarebbe impeccabile se il primo placcaggio attorno ai punti di incontro fosse puntuale almeno quanto la voglia di concretizzare in fase di possesso. All'11' arriva la meta di McGhie su bello spunto sull'out destro (Chamberlain non trasforma), a cui risponde dopo appena 5 giri d'orologio Zuliani in velocità. Con i 2 punti addizionali del capitano Garbisi, c'è il sorpasso per il momentaneo 7-5. Un altro sprint in bandiera sul lato destro regala gloria a McLean. Chamberlain trasforma ed è 7-12. L'Italia non si scompone, in mediana Albanese, che sostituisce Varney, detta bene i tempi e con Garbisi prova a sfruttare il gioco al piede. Tra gli avanti si fa sentire Cannone tanto in copertura che da "ball carrier". Una rapida azione alla mano, al 24', proietta un Mori scatenato sulla sinistra oltre i placcatori ospiti e, grazie anche al piede di Garbisi, all'intervallo è 14-12.
Il gap si allarga di altri 3 punti in apertura di ripresa con un piazzato del capitano, a cui risponde poco dopo Chamberlain: 17-15. La squadra di Roselli continua a creare in attacco. Con una meta di Trulla, trasformata da Garbisi, fa 24 -15; subisce un altro piazzato dell'apertura avversaria; ma poi con un bell'affondo di Mba si porta sul +11. Siamo al 60' e il match sembra proprio incanalarsi per il verso giusto. Eppure da qui in poi, come detto, esce fuori la Scozia. Gradualmente prende il controllo, induce i padroni di casa all'errore, sfalda la difesa avversaria e rosicchia punti. Al 67' si riavvicina con la marcatura di McCallum (29-23), al 74' sigla il sorpasso con la firma di Boyle trasformata da Paterson (29-30) approfittando dell'uomo in più. Lo stesso Paterson, in chiusura di partita e con l'Italia incapace di reagire e costretta a mischie "no-contest", fallisce il piazzato del possibile +4.
Prova d'appello il prossimo 6 marzo, a Cork contro l'Irlanda. Nel frattempo, bisognerà ritrovare morale e precisione.

11' m McGhie (0-5)
16' m Zuliani tr Garbisi (7-5)
21' m McLean tr Chamberlain (7-12)
24' m Mori tr Garbisi (14-12)
---
42' cp Garbisi (17-12)
45' cp Chamberlain (17-15)
52' m Trulla tr Garbisi (24-15)
54' cp Chamberlain (24-18)
60' m Mba (29-18)
67' m McCallum (29-23)
74' m Boyle tr Paterson (29-30)     © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi