Rugby, Sei Nazioni: per Italia-Francia tutta Roma coinvolta prima della festa al Foro Italico

Mercoledì 11 Marzo 2015
Italia-Francia che cade di domenica, nel giorno "sacro" anche ai seguaci del Dio Pallone. Ma non sarà certo questo a frenare gli amanti del rugby che, come di consueto, troveranno tante piacevoli distrazioni all'ombra dell'Olimpico prima, dopo e volendo durante la partita valevole per il Trofeo Garibaldi, competizione interna al Sei Nazioni di esclusiva pertinenza di azzurri e galletti.



Fulcro della festa sarà il Terzo Tempo Peroni Village allestito al Parco del Foro Italico grazie anche all'attenta equipe guidata da Diego Nepi, responsabile di Coni Servizi: una squadra capace di cambiare l'assetto dell'OIimpico da calcio a rugby e viceversa in poche ore. Ma non sarà festa solo tra pini e i maestosi marmi, perché in occasione della sfida ai cugini transalpini tutta Roma sarà coinvolta. Ciò grazie alla Frustica, l’ormai immancabile banda di ottoni ben nota al pubblico dell’Italrugby, che dal finesettimana si esibirà in varie aree della città, da Piazza Venezia al Pincio, a bordo di un pullman scoperto.



Sempre sul versante musica, sul palco del Foro Italico si esibiranno, alle 12.30, Una (Marzia Stano) e, dalle 13, Rezophonic, progetto discografico i cui ricavi sono devoluti all'African Medical and Research Foundation (Amref) per un intervento idrico nella regione dai Kajiado tra Kenya e Tanzania.

Presente anche la fanfara dei Bersaglieri, che suonerà all'esterno dello stadio e in campo, all'intervallo della partita.



Tutto ciò mentre allo Stadio dei Marmi rimarrà allestita la vasta area ludica dello sponsor federale Edison e mentre Salvatore Perugini e Fabio Ongaro continueranno a offrire street food di qualità nello stand gastronomico “UnoDue”.



La novità di giornata è, invece, l’accordo tra FIR e Multiplayer.it, web-magazine dedicato ai videogiochi che avrà a disposizione uno spazio dedicato al gaming.



Per quanto concerne la partita, grazie a Cariparma quindici tifosi azzurri vincitori di un concorso avranno l'opportunità di scendere in campo per cantare "Fratelli d'Italia" al fianco dei propri beniamini. E, a partita in corso, sarà ancora la Frustica ad eseguire le note della tradizione italiana sugli spalti dell'Olimpico.



“Coinvolgere non solo gli appassionati di lungo corso o chi ha acquistato un biglietto, ma far vivere lo spirito e l’atmosfera del 6 Nazioni a tutta la città di Roma: è questo il nostro obiettivo”, le parole di Pier Luigi Bernabò, direttore eventi della Federazione Italiana Rugby.



Festa, ma non solo. Perché il mondo del rugby non dimentica il gravissimo lutto che ha colpito lo sport francese in Argentina. La Fir ha già chiesto agli organizzatori del Sei Nazioni di poter osservare un minuto di raccoglimento in memoria di Florence Arthaud, Camille Muffat e Alexis Vastine prima del calcio d'inizio della partita. Ultimo aggiornamento: 19:57

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Una mattina in ospedale a leggere libri ai bimbi malati

di Pietro Piovani