Rugby, l'Italia di Smith e Bigi sfida il Galles nel tempio di Cardiff il giorno della Brexit

Venerdì 31 Gennaio 2020 di Paolo Ricci Bitti
Bigi e Parisse

dal nostro inviato
CARDIFF Piove, il tetto del possente stadione è stato chiuso indispettendo Dio che non potrà vedere il gioco più amato nel Regno dei Cieli e per di più domani qui a Cardiff, qui al di là della Manica, non ci troveremo più nell'Unione Europea dopo che nella notte è scattata definitivamente la Brexit. Ah, come il solito il pronostico è peggio della grandine per gli azzurri che per la 21ma volta si avventurano nel Sei Nazioni: contro il Galles, campione in carica con tanto di Grand Slam, secondo i bookmaker perderemo di almeno 20 punti.

Eppure sopra agli azzurri il cielo è sereno, almeno nell'attitudine con cui l'assai rinnovato gruppo dell'Italia si appresta a sfidare i terribili Dragoni. Di più: non mancano persino le sorprese nel cilindro del neo ct dell’Italia, Franco Smith, per reggere l’urto del Galles campione in carica del Sei Nazioni di rugby domani alle 15.15 a Cardiff (diretta DMax) al Principality Stadium che avrà il tetto chiuso per pioggia che già alla vigilia ha ingrigito il cielo.

Da Irlanda-Scozia al brutale "Le Crunch", il torneo degli altri
Sei Nazioni Femminile, nasce la prima Italia: domenica sfida in Galles per le conferme
Rugby: azzurri, azzurre e azzurrini, tutto il Sei Nazioni in tv su DMax. Eurosport e Facebook. Il calendario completo
Il Sei Nazioni azzurro parte con gli Under 20: a Calwyn Bay per sfidare i Dragoni "baby"

Ecco allora un debuttante non allo sbaraglio, il marmoreo colosso fiorentino Niccolò Cannone, 21 anni e 125 chili di seconda linea, e una quasi matricola quale Giosué Zilocchi, 23 anni, appena due caps, per dare poderose fondamenta alla mischia, retta da quella pietra angolare che è il pilone destro. E poi torna dopo due anni la freccia Sarto, mentre l’apertura Canna si trasforma in centro.

Senza dimenticare che ha i gradi nuovi di zecca il capitano Bigi. Il tentativo da fantascienza è quello di interrompere la via crucis di 22 ko di fila. Peraltro a Cardiff l’Italia non ha mai vinto, solo un pareggio nel 2006. Ma gli azzurri e Smith amano le sfide.
 


LE FORMAZIONI

Galles-Italia alle 15.15 (Diretta DMax)
Galles: 15 Leigh Halfpenny, 14 Johnny McNicholl, 13 George North, 12 Hadleigh Parkes, 11 Josh Adams, 10 Dan Biggar, 9 Tomos Williams, 8 Taulupe Faletau, 7 Justin Tipuric, 6 Aaron Wainwright, 5 Alun Wyn Jones (c.), 4 Jake Ball, 3 Dillon Lewis, 2 Ken Owens, 1 Wyn Jones
A disp. 16 Ryan Elias, 17 Rob Evans, 18 Leon Brown, 19 Cory Hill, 20 Ross Moriarty, 21 Rhys Webb, 22 Jarrod Evans, 23 Nick Tompkins
Allenatore Wayne Pivac

Italia: 15 Matteo Minozzi, 14 Leonardo Sarto, 13 Luca Morisi, 12 Carlo Canna, 11 Mattia Bellini, 10 Tommaso Allan, 9 Callum Braley, 8 Abraham Steyn, 7 Jake Polledri, 6 Sebastian Negri, 5 Niccolò Cannone, 4 Alessandro Zanni, 3 Andrea Lovotti, 2 Luca Bigi (c.), 1 Giosuè Zilocchi
A disp. 16 Federico Zani, 17 Danilo Fischetti, 18 Marco Riccioni, 19 Marco Lazzaroni, 20 Dean Budd, 21 Giovanni Licata, 22 Guglielmo Palazzani, 23 Jayden Hayward
Allenatore Franco Smith

Arbitro Luke Pearce (Inghilterra)
TMO: James Leckie (Australia)

Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 00:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma