Major Premier Padel di Roma, Navarro e Di Nenno vincono la partita infinita: è semifinale, nonostante la pioggia

Major Premier Padel di Roma, Navarro e Di Nenno vincono la partita infinita: è semifinale, nonostante la pioggia
di Giacomo Rossetti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Maggio 2022, 21:36

Non sembrava finire mai, tanto che la durata (tre ore e un minuto, un tempo assurdo per una partita di padel) l'ha resa più simile a una sfida di tennis che allo sport 'cugino'. Il quarto di finale tra Francisco Navarro e Martin Di Nenno contro Jeronimo Gonzalez e Alejandro Ruiz si candida seriamente al titolo di partita più emozionante del Major Premier Padel di Roma: una battaglia infinita, uno scontro che - prima ancora delle nergie muscolari - ha esaurito le forze dei quattro atleti vista la lunga interruzione (ben 50 minuti) causa pioggia. Nonostante un primo set pessimo, 'Paquito' Navarro ha ricordato a tutti (ed erano tanti) gli spettatori della Grand Stand per quale motivo è da anni considerato un top 3 al mondo.

Navarro toppa il primo set

Nel primo parziale, chiusosi 7-5 per la coppia Ruiz Gonzalez, Di Nenno si trova a dover aggiustare i tanti errori del compagno di squadra: i due, partiti col favore del pronostico, arrancano dietro l'atletismo rivale. Il binomio tutto ispanico infatti ha giocato la partita della vita, conscio del fatto che per battere i campioni in carica di Doha sarebbe servita una prestazione spaziale. E infatti la vittoria nel primo set (con Navarro talmente impreciso da risultare la propria brutta copia) è un'iniezione di fiducia. Inizia il secondo parziale, e la musica cambia: 'El turquito' Di Nenno dà la scossa al compagno, che inizia a macinare smash e rovesci mozzafiato come sa fare lui.

Partita leggendaria (e bagnata)

Intanto Martin non molla neanche una pallina, e fa impressione pensare - vedendo il suo dinamismo mostruoso - che questo ragazzo abbia rischiato di non giocare mai più a padel dopo il terribile incidente in auto patito nel 2016. Di Nenno viaggiava nella sua Argentina verso il Paraguay, e in uno schianto stradale morirono i due amici che erano con lui: lui sopravvisse con un femore e un ginocchio rotti, e troppe cicatrici nell'anima. Ma seppe rialzarsi, tanto che la sua carriera lo dimostra, così come il secondo set di oggi: 6-2, parità ristabilità. Al terzo set, quello decisivo, Navarro prosegue lo show ma una pioggia fastidiosa costringe gli organizzatori a fermare la partita sul 5-2, a un passo dalla semifinale. Dopo la lunga pausa, durante la quale il campo viene coperto, i quattro tornano a fronteggiarsi: Ruiz e Gonzalez non hanno nulla da perdere, e portano il game al tie break. Quando si inizia ad affacciare l'idea remota di una rimonta, Di Nenno e il compagno chiudono la pratica: 6-2, sarà semifinale, contro Federico Chingotto e Juan Tello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA