La leggenda Belasteguin vola ai quarti: sarà sfida con l'ex compagno Pablo Lima

La leggenda Belasteguin vola ai quarti: sarà sfida con l'ex compagno Pablo Lima
di Giacomo Rossetti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 17:07

Anche se lo scorso 19 maggio ha spento 43 candeline, Fernando Belasteguin ha superato il concetto classico di età, raggiungendo una dimensione di eternità, come mai nessuno prima (e probabilmente) della storia mondiale del padel. Il mitico ‘Bela’, protagonista al Major Premier Padel di Roma in coppia col giovanissimo (potrebbe essere suo figlio) Arturo Coello, oggi ha battuto 6-4 6-3 il duo Mario Del Castillo-Antonio Luque, conquistando l’accesso ai quarti di finale di domani, in cui affronterà… il suo passato. La coppia rivale infatti è Franco Stupaczuk-Pablo Lima, col secondo che per tre anni (2015-2017) ha condiviso con Belasteguin la prima posizione nel ranking globale.

Un primo set appassionante

Il primo set è estremamente combattuto: Belasteguin non ha più la mobilità di un tempo, e il grosso del lavoro atletico viene fatto dal giovane compagno, che non sempre riesce a rintuzzare gli smash e le traiettorie infide di Del Castillo e Luque, partiti estremamente rabbiosi contro la coppia favorita. Un tocco di Bela chiude il set, e nel secondo parziale il divario aumenta: 6-3, con un paio di smorzate del veterano da far spellare le mani.

Come lui nessuno mai

Belasteguin ha numeri impressionanti: all’Island Gardens di Miami, lo scorso febbraio, l’argentino di Pehuajò ha conquistato il 160 torneo internazionale in carriera, il 63esimo nell’ultimo decennio. Ci sono ottimi giocatori che in carriera non conquisteranno neanche un decimo di quanto raccolto da questo eterno ragazzo che da ragazzino stava per mollare la ‘pala’, prima il trasferimento in Spagna dal maestro Pablo Semprùn gli cambiasse la carriera facesse diventare il volto di uno sport relativamente giovane. Per 14 anni consecutivi, in coppia con Juan Martin Diaz, Bela ha regnato come numero uno del ranking (155 vittorie su 175 partite): un dominio irreale, di cui i suoi figli non hanno saputo nulla per anni. Già: Belasteguin ha confessato tempo fa che il primogenito venne a scoprire della fama del padre solo tramite i compagni di classe nel cortile della scuola!

Cruijff, amico e fonte di ispirazione

Uno degli idoli di Bela, in seguito anche suo amico, era Johan Cruijff: dal ‘Profeta del gol’ l’asso argentino ha imparato molto. “Era una persona che Mi affascinava, mi faceva pensare, aveva il dono di saper trasmettere i suoi pensieri e aveva qualcosa che in pochi hanno: una personalità magnetica”, ricorda spesso. Pur non sapendo ancora quando si ritirerà dallo sport che ha fatto diventare un fenomeno globale, Fernando Belasteguin sa quale sarà la prima cosa che farà appesa la racchetta al chiodo: “Chiedere scusa per ai miei nonni per il tempo che non ho potuto dedicar loro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA