Vela, in Nacra 17 debutto volante per Tita-Banti, 1° in classifica. Nel windsurf Mattia Comboni è 2° e Marta Maggetti 4°

TITA BANTI NACRA 17
di Francesca Lodigiani
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Luglio 2021, 16:28

La vela fa sognare a Tokyo. Mattia Camboni da Civitavecchia, atleta delle Fiamme Gialle,  dopo  ulteriori tre prove (8,13, 4)  é 2° nel Windsurf e  continua il duello con l’olandese Campione del Mondo in carica Kiran Badloe, che oggi è andato meglio (2,4,1) ed é ripassato  in testa,  mentre  mancano solo tre prove alla Medal Race, la finalissima riservata ai migliori 10 nella quale il punteggio è doppio. 

Da notare che Camboni è a 8 punti dall’olandese,  a 5  dal terzo, il francese Thomas Guyard, e a 7  dal quarto, il polacco Myszka

Marta Maggetti da Cagliari, anch’essa in forze alle Fiamme Gialle, resiste al 4° posto, seppur a 14 punti dal trio di testa formato dall’inglese Emma Wilson,  dalla cinese Yunxiu Lu, che vola in queste condizioni, e dalla francese Charline Picon, oro a Rio 2016. 

E poi c’è il super debutto di Ruggero Tita e Caterina Marianna Banti, Fiamme Gialle lui, Circolo Canottieri Aniene di Roma lei, che grazie a due 1° e un 3°,  dopo la prima giornata sono in testa. 

 Nei 470, maschile e femminile, le altre classi nelle quali l’Italia è in gara, le due prove del debutto  non posizionano gli azzurri vicini al podio. Entrambi gli equipaggi sono però comunque tra i top ten. Due 9°, i risultati di  Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò, romani della Marina Militare. Meglio  con un 5° e un 11° per Elena Berta e Bianca Caruso, romane, Aeronautica la prima, Marina la seconda, che  in  classifica generale sono  6°. 

Una Enoshima con vento termico dal mare tra i 14 e i 16 nodi e una impegnativa onda corta e ripida, hanno accompagnato i concorrenti per  tutto il giorno,  condizioni ottimali che hanno consentito di rispettare  il programma .

Condizioni nelle quali i forti atleti italiani del Nacra 17 foiling, alla prima Olimpiade,  hanno esordito con una bellissima vittoria. E’ seguito un 3° nella seconda prova, nella quale è peraltro andata in scena  una rimonta indiavolata che ha portato i due a sfiorare il secondo posto proprio sull’arrivo, risultato  al quale è seguito poi un altro primo.

Prestazioni da adrenalina pura nella quale hanno mostrato  velocità e tecnica, per la soddisfazione del tecnico della coppia  Ganga Bruni, palermitano DOC, fratello timoniere di Luna Rossa  Checco Bruni, che vede i suoi ragazzi primi in classifica  con 4 punti di vantaggio sui tedeschi Paul Kohloff e Alica Stuhlemmer, e sugli australiani Jason Waterhouse e Lisa Darmanin (medaglia d’argento a Rio 2016). 

IL COMMENTO DEL DT MARCHESINI

“Bella la giornata di Maggetti - commenta con la  usuale sobrietà il DT Michele Marchesini - se le prime si sono leggermente allungate va detto che si portano dietro degli scarti pesanti, domani sarà importante chiudere tre prove bene, per provare ad andare in Medal a giocarsela. Camboni ha reagito molto bene sul finale di giornata, ha “inanellato” il suo scarto, ma vale per tutti. Badloe si è confermato un atleta molto interessante in queste condizioni.

Poi ci sono le classi che oggi hanno cominciato. Nel 470 sia maschile che femminile, qualche piccola sbavatura da recriminare, che ci è costata qualche punto. É il primo giorno e  usciamo comunque a testa alta. Per i Nacra, condizioni straordinarie e molto spettacolari, Tita-Banti hanno fatto  Tita-Banti. – e aggiunge  - I programmi delle varie discipline sono diversi e distribuiti nel tempo, ma se facciamo una fotografia, a oggi  abbiamo tutti gli equipaggi piazzati per una finale olimpica.”

 PROGRAMMA DI GIOVEDI 29, GIORNO 5 PER LA VELA A ENOSHIMA

Ultime 3 prove  per Mattia Camboni e Marta Maggetti nei windsurf maschili e femminili, con l’obiettivo di avere un punteggio che consenta di giocarsi un posto sul podio nella Medal Race, la finalissima a punteggio doppio  in programma sabato 31 luglio.

Due prove per Silvia Zennaro (Laser Radial), tre per Tita-Banti  (Nacra 17)  e due  sia per Ferrari- Calabrò,  470 maschile, che per Berta-Caruso, 470  femminile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA