Tokyo 2020, tra gaffe e contagi le Olimpiadi provano a partire: domani la cerimonia d'apertura

Tokyo 2020: tra gaffe e Covid, le Olimpiadi provano a partire
di Gianluca Cordella
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Luglio 2021, 09:32 - Ultimo aggiornamento: 09:33

dal nostro inviato

TOKYO - La notizia del giorno è che la cerimonia di apertura ha perso un altro “pezzo”. Si tratta di Kentaro Kobayashi, direttore artistico della cerimonia di apertura di Tokyo 2020, rimosso dal suo incarico dopo che i media locali hanno rispolverato una sua performance artistica del passato in cui si lasciava andare a una battuta antisemita. E’ l’ennesima tegola che si abbatte sulle Olimpiadi giapponesi che, fra Covid e gaffe, proprio non riescono a lasciare il palcoscenico allo sport. E mentre i contagi tra persone legate ai Giochi avvicinano quota 100 - siamo a 98, altri 4 al Villaggio olimpico: lo skateboarder olandese Candy Jacobs, il giocatore di ping-pong ceco Pavel Sirucek e due persone dello staff - parte ufficialmente il countdown verso la cerimonia di apertura che domani, alle 13 italiane, farà alzare il sipario sull’evento.

Video

Cerimonia a porte chiuse, come del resto saranno le gare, scaletta concepita per accorciare i tempi e ridurre le occasioni di contagio e messaggi di inclusione, parità, ripartenza. Già proprio quella ripartenza che a Tokyo e a Losanna sperano possa essere legata alle Olimpiadi più complicate della storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA