Rio 2016, subito vincente Irma Testa, prima pugile italiana alle Olimpiadi

Rio 2016, subito vincente Irma Testa, prima pugile italiana alle Olimpiadi
di Redazione Sport
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2016, 23:25

Una prima volta storica. E chiusa con un successo ai punti. Al termine del match, combattuto con la formula dei quattro round da due minuti, Irma Testa, prima pugilatrice italiana a combattere in un'Olimpiade, ha sconfitto l'australiana Shelley Marie Watts nell'incontro valido per gli ottavi di finale dei pesi leggeri. Nei quarti la campana, partita per Rio con ambizioni di medaglia, è attesa da un match ancora più impegnativo, contro la francese Estelle Mossely: in caso di vittoria per l'italiana sarebbe già certa almeno del bronzo. Il positivo esordio olimpico di Irma Testa ha quindi fatto conoscere al pubblico italiano il pugilato femminile a Cinque cerchi, che fece il suo esordio a Londra 2012, ma senza che ci fossero in gara atlete azzurre. «Spero - ha più volte detto la 18enne pugilatrice di Torre Annunziata, durante la fase di preparazione - che la mia partecipazione a Rio 2016 possa far crescere ancor di più il nostro movimento. La boxe è uno sport femminile e praticarlo fa bene alle donne e le rende anche belle». Un mondo, quello della boxe al femminile, raccontato dalla poesia del film di Clint Eastwood «The million dollar baby» e reso celebre dalla gesta di Laila Alì, figlia di Muhammad. Proprio al «più grande» si ispira un'altra delle sicure protagoniste a Rio 2016, Claressa Shields, la prima donna americana ad aver vinto un oro olimpico del pugilato: «Per me anche solo conoscerlo è stato un grande orgoglio». In caso di un nuovo successo a Rio, Claressa, 21enne del Michigan e un'infanzia tormentata alle spalle, farebbe segnare una prima volta per la boxe made in Usa: nessuno finora è riuscito a vincere la medaglia d'oro in due Olimpiadi consecutive. «Muhammad Alì ha mostrato - ha sottolineato Claressa - il suo amore a tutti, lui voleva unire le persone. Anche per questo nessuno sarà come lui: ma io, dopo Londra 2012 voglio vincere ancora per provare ad avvicinarmi». Per ora l'appuntamento è fissato per mercoledì prossimo, 17 agosto, quando farà il suo esordio ai Giochi, partendo dai quarti di finale dei pesi medi. Domani, intanto, tra gli uomini ci sarà l'esordio dell'ultimo italiano rimasto in corsa per una medaglia: negli ottavi di finale il supermassimo Guido Vianello incrocerà i guantoni con il cubano Pero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA