Rio 2016, la calciatrice sudafricana si protegge come un uomo. E il web si interroga sul gesto

Giovedì 11 Agosto 2016 di Redazione Sport
La foto ha già fatto il giro del web e la domanda è sempre la stessa: perché la calciatrice africana si protegge le parti intime prima di un calcio di punizione? Domanda più che lecita, visto quello che è successo in campo alle Olimpiadi nel torneo di calcio femminile. Al minuto 79 della partita tra Brasile e Sud Africa  le padrone di casa battono un calcio di punizione: il numero 3 in maglia giallo-verde Nothando Vilakazi, difensore di 27 anni, anzichè proteggersi il seno, come fanno di solito le giocatrici di calcio, porta le mani all’inguine, in un gesto naturale per un uomo, per ovvie ragioni.



Perchè lo fa una donna? Una curiosità che ha scatenato subito dei dubbi sull'identità sessuale dell'atleta. D'altronde, questa è l’edizione con il maggior numero di atleti transessuali o dichiaratamente omosessuali. Per la cronaca, Brasile Sud Africa è terminata 0-0. Visualizza l'immagine su Twitter
Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 08:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma