Badosa, malore in campo per il caldo. La tennista esce in carrozzina: «Condizioni impossibili»

Paula Badosa, malore in campo per il caldo. Esce in carrozzina: «Condizioni impossibili, il mio corpo ha detto basta»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Luglio 2021, 14:24 - Ultimo aggiornamento: 29 Luglio, 10:24

Colpo di calore per la tennista spagnola Paula Badosa Gibert, che dopo aver perso 6-3 il primo set dei quarti di finale contro la ceca Marketa Vondrousova, ha accusato il malessere mentre si preparava al cambio di campo per l'inizio del secondo set e ha chiesto assistenza medica. L'intervento del medical staff con borse di ghiaccio però non è bastato, e la tennista numero 29 del ranking mondiale è stata comunque costretta a dare forfait al torneo di tennis dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, uscendo in carrozzina e consolata dall'avversaria che nel turno precedente si era presa la briga di mandare a casa la giappo-statunitense Naomi Osaka.

Il caso Medvedev

La Badosa non è però l'unica vittima del caldo, anzi. Già Daniil Medvedev, numero due del ranking maschile, si era lamentato molto dopo aver rispedito a casa l'azzurro Fabio Fognini, dopo un match che si era disputato sotto il caldo torrido a 31 gradi dell'Ariake Tennis Park, condito da un tasso di umidità del 72%. «Io posso finire il match, ma posso morire. E se muoio chi si prende la responsabilità?», ha detto nell'intervista post partita, irritatandosi poi con una giornalista per una domanda insolita, come ricostruito dal The Guardian. L'intervistatore avrebbe chiesto al russo se gli atleti della squadra olimpica russa portassero lo stigma di truffatori dopo lo scandalo del doping e cosa ne pensassero a riguardo. «È la prima volta in vita mia che non rispondo a una domanda, dovresti vergognarti», sarebbe stata la risposta di Medvedev, che avrebbe liquidato la questione con il più classico dei «Next question please».

© RIPRODUZIONE RISERVATA