Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rea vince anche a Misano, Biaggi ottimo sesto al rientro

Rea vince anche a Misano, Biaggi ottimo sesto al rientro
1 Minuto di Lettura
Domenica 21 Giugno 2015, 15:01 - Ultimo aggiornamento: 15:02

Il pilota britannico Jonathan Rea (Kawasaki) continua a dominare in Superbike, oggi ha vinto anche sul circuito di Misano, nel giorno del rientro alle corse del 44enne Max Biaggi (Aprilia) giunto sesto, un risultato straordinario a quasi tre anni dalla sua ultima gara. Dietro a Rea si sono classificati Davide Giugliano (Ducati) e al terzo posto Leon Haslam (Aprilia). Rea era stato superato in gara 1 dal compagno di squadra Tom Sykes, ma poi si è rifatto ampiamente in gara 2, andando a vincere e conquistando il suo undicesimo successo in stagione su 16 gare disputate, e portando a 133 i punti di vantaggio sul primo degli inseguitori, che è proprio Sykes. La classifica iridata infatti ora vede Rea con 475 punti, seguito da Sykes a 242 punti, Haslam 226 e Davies 213.

Rea ha preso la guida della corsa al 16mo giro, con un sorpasso straordinario ai danni di Giugliano, che si trovava in testa dal settimo passaggio. Il pilota italiano dovrà attendere la prossima trasferta di Laguna Seca, per cercare di ottenere il tanto agognato primo successo nel Mondiale, che equivarrebbe inoltre alla centesima vittoria di un pilota italiano nel mondiale di superbike. Max Biaggi (Aprilia Racing Team) ha chiuso anche gara 2 al sesto posto dopo una bella bagarre con il compagno di marca Jordi Torres (Aprilia). Molto atteso alla vigilia, il ritorno in pista del campione romano non ha deluso le aspettative. Biaggi ha combattuto a lungo per avvicinarsi alla zona podio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA