Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

GP del Belgio, la Ferrari di Vettel trionfa sulla mitica pista di Spa. Hamilton 2°

L'incidente al via del Gran Premio del Belgio a Spa
6 Minuti di Lettura
Domenica 26 Agosto 2018, 15:10 - Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 02:47

Sebastian Vettel domina e vince con la Ferrari il Gp del Belgio, conquista la 52/a vittoria in carriera, la quinta stagionale, e ad una settimana da Monza riapre con forza la sfida per il titolo piloti a Lewis Hamilton, che ha chiuso al secondo posto e vede ridotto il suo vantaggio in classifica a 17 punti. Nessuna magia nella Rossa, come ha detto scherzando ma non troppo il britannico soffermandosi a osservare la Rossa sulla pit lane, dato che la vittoria di Spa è conseguenza di una superiorità acquisita con un duro lavoro del team.

Solo la sfortuna, come nelle qualifiche di ieri, e qualche errore non avevano permesso di ottenere i risultati sperati. «Guardiamo con ottimismo a Monza», ha sottolineato Vettel, e lì la Mercedes dovrà affrontare sullo storico circuito anche un'onda rossa di entusiasmo. Il bilancio della Ferrari è meno positivo in chiave mondiale costruttori, dato che Kimi Raikkonen è stato costretto al ritiro dopo soli nove giri, vittima incolpevole dello spaventoso, ma per fortuna incruento incidente nelle retrovie alla prima curva. Punti buoni li ha ottenuti invece Valtteri Bottas, quarto al traguardo dietro a Max Verstappen dopo essere partito 17/o. Il finlandese di Maranello, già penalizzato ieri dalla sfortuna in qualifica, avrebbe potuto puntare al podio, ma si è trovato al primo giro con una posteriore bucata e il fondo danneggiato per un contatto con Daniel Ricciardo, a sua volta coinvolto nella carambola della prima curva.

La McLaren di Fernando Alonso è stata tamponata in frenata dalla Renault di Nico Huelkenberg ed è decollata sopra la Sauber di Charles Leclerc prima di ricadere a terra. I piloti sono rimasti indenni, grazie anche alla presenza dell'Halo, ma ovviamente costretti al ritiro. In pista è entrata la safety car, ma intanto davanti era già avvenuto il sorpasso-chiave, quello di Vettel su Hamilton. «Mi ha passato come se non fossi nemmeno stato lì...», ha ammesso il campione del mondo in carica. Alla ripartenza, dopo quattro giri, il tedesco ha tolto qualsiasi velleità all'avversario prendendo un vantaggio consistente e tale da permettergli di effettuare l'unico pit stop senza rischiare l'undercut da parte di Hamilton che si era fermato un pò prima. Vettel da quel momento ha veleggiato solido e tranquillo verso il trionfo. «Un martello», lo ha definito il team principal, Maurizio Arrivabene. Dall'alto del podio, Vettel guardava già a Monza. Tra una settimana, in Brianza, lo attende una gara chiave della stagione.


La diretta della gara
TRAGUARDO - Sebastian con la Ferrari vince il Gran Premio del Belgio a Spa. Secodno Hamilton anche Verstappen sul podio. L'altra Mercedes di Bottas è quarta.

43° giro - Hamilton ha mollato, il distacco è oltre i 10 secondi. Sebastian inizia l'ultimo giro.

41° - Lewis appare un po' in difficoltà, il distacco dal Cavallino al comando è salito ad oltre 8 secondi.

40° giro - La Mercedes passa la Force India in fondo al rettilineo del Kemmel, Bottas conquista la quarta posizione.

38° giro - Sebstian allunga con decisione, Lewis sembra accontentarsi della seconda posizione. L'unico duello in atto è quello fra Perez e Bottas per la quarta posizione. Il ffinlandese è ormai in scia del messicano.

36° giro - Posizioni stabilizzate, la gara in questa fase è un po' noiosa.

34° giro - La Ferrari ha in pugno la corsa, l'incognita potrebbe essere la pioggia ma, nonostante il cielo nero, le previsioni dicono che non scenderà l'acqua sulla pista di Spa.

30° giro - Sebastian allunga di nuovo come aveva fatto all'inizo con le supersoft e pporta il suo vantaggio oltre i 4 secondi. Il tedesco sembra controllare la situazione con una certa facilità.

27° giro - Si ferma anche Verstappen e monta le gialle sulla sua Red Bull.

26 giro - Le due vetture di testa girano più o meno sullo stesso ritmo e il distacco fra la Ferrari e la Mercedes resta di circa due secondi.

23° giro - La Ferrari risponde immediatamente e richiama Sebastian ai cui vengono montate le soft gialle. La Ferrari rientra di poco davanti alla Mercedes.

22° giro -Si ferma Hamilton e monta le soft gialle per andare fino in fondo.

21° - giro Entrambe leMercedes hanno del blistering nella gomma posteriore sinistra, ma Lewis spinge lo stesso e guadagna leggermente sulla Ferrari.

19° giro - Hamilton si avvicina leggermente a Vettel, ma il vantaggio rimane rassicurante, sopra i tre secondi.

18° giro - Bottas con la sua Mercedes passa anche la Toro Rosso di Gasly e sale all'ottavo posto.

15° giro - Lewsi fa il giro veloce della gara, ma guadagna solo due decimi sulla Ferrari di Sebastian che resta saldamente in testa.

11° giro - Vettel con la Ferrari fa una serie di giri veloci e mette un buon margine (circa 4 secondi) fra la sua Rossa e la Mercedes di Hamilton.

10° giro - Verstappen sorpassa anche Perez e, fra il boato del pubblico, conquista il podio virtuale.

9° giro - La Ferrari di Raikkonen danneggiata durante le fasi iniziali da un contatto con la Red Bull di Ricciardo (l'australiano è stato toccato a sua volta da Alonso) è costretta alla resa.

8° giro - Bottas fa diversi sorpassi (uno bellissimo alla Toro Rosso-Honda di Hatrley proprio all'interno dell'Eau Rouge) e risale in dodicesima posizione.

7° giro - In fondo al rettilineo lungo, quello del Kemmel, Max Verstappen con la sua Red Bull fa un gran sorpasso sulla Force India di Ocon e conquista la quarta posizione dietro il podio virtuale dell'altra Force INdia di Sergio Perez.

4° giro - La safety car esce di pista, la gara riparte. Hamilton tenta subito l'attacco, ma Sebastian gestisce bene la situazione e la Ferrari mantiene la testa della corsa.

3° giro - Nella caotica partenza anche Danile Ricciardo subisce danni al posteriore della sua Red Bull ed è costretto ad una lunga sosta ai box per sistemare la monoposto.
 

 


2° giro - Rientra anche la Mercedes di Bottas per sostutuire l'ala anteriore e monta le gomme morbide supersoft.

1° giro - Raikkonen fora, è costretto a rientrare ai box ad andatura lenta. Cambia gli pneumatici e monta le coperture bianche medium.

PARTENZA - Hamilton scatta bene dalla pole con la Mercedes e si prende la testa davanti a Vettel e alle due Force India. Ma Sebastian è molto aggressivo e già all'Eau Rouge prende la scia del britannico per affiancarlo subito all'inizio del rettilineo del Kemmel e superarlo. Hulkenberg con la Renault tampona la McLaren di Fernando Alonso che vola sopra l'Alfa Romeo di Leclerc. Entra subito in pista la safety car. Bottas a sua volta tampona una delle Williams e danneggia l'ala anteriore.

SPA - La Ferrari di Sebastian Vettel scatta in prima fila al Gran Premio del Belgio a Spa e cerca l'attacco alla Mercedes del Campione del Mondo Lewis Hamilton che parte dalla pole position. La monoposto del Cavallino durante le prove ha dimostrato di essere in grande forma su una pista tecnica e molto veloce come quella delle Ardenne. Più indietro i compagni di squadra Raikkonen e Bottas.

© RIPRODUZIONE RISERVATA