Moto Gp, Rossi torna sull'incidente in Austria: «Errore non voluto di Zarco, ma bisogna riflettere»

Martedì 18 Agosto 2020

Lo aveva già detto a fine gara, visibilmente scioccato, di aver avuto davvero tanta paura. Il rischio corso in pista era stato enorme. Valentino Rossi torna sull'incidente in Austria, quel contatto tra Zarco e Morbidelli, le moto impazzite che si impennano e volano in aria sfiorando lo stesso Rossi e Vinales, usciti incolumi per miracolo. Il campione di Tavullia ripercorre quei momenti postando sui social il video ripreso dalla sua telecamera e commentando quando accaduto. «Le immagini dalla mia telecamera sono quelle che mi fanno più paura, perché da qui si può capire la velocità con cui la moto di Franco ha attraversato la pista proprio davanti a me - scrive Rossi -. E' passata talmente forte che io non l'ho neanche vista, quando sono tornato ai box ero già abbastanza scosso per aver visto la moto di Zarco letteralmente volare sopra la testa di Maverick. Miracolosamente non si è fatto male nessuno ma spero che questo incidente faccia riflettere tutti, soprattutto noi piloti. Zarco non ha intenzionalmente causato una carambola del genere, ma resta comunque un grave errore di valutazione, che un pilota di MotoGP non può permettersi, soprattutto in una staccata da 310 km/h. Spostandosi velocemente sulla destra e frenando «in faccia» a Franco, non gli ha lasciato il posto per rallentare, quindi Morbidelli non ha potuto fare altro che centrarlo a tutta velocità. Capisco che in gara ci si gioca tanto e tutti danno il massimo per stare davanti, ma non dobbiamo dimenticarci che il nostro è uno sport pericoloso, e l'incolumità nostra è dei nostri avversari è molto più importante che guadagnare una posizione».

Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA