GP Belgio: vince la Ferrari di Leclerc: «Dedico la vittoria al mio amico Hubert»

Domenica 1 Settembre 2019 di Massimo Costa
LIVE F1, GP Belgio in diretta: Ferrari da battere a Spa, Hamilton lancia la sfida

Gli sono serviti soltanto 34 Gran Premi per salire sul gradino più alto del podio. Charles Leclerc, la giovane stella della Ferrari, a soli 21 anni ha conquistato la vittoria nel Gran Premio del Belgio sul difficile circuito di Spa, primo pilota nato e cresciuto nel Principato di Monaco a riuscirci. E primo ferrarista a trionfare in F1 con la Rossa così giovane. Un successo, però, amaro per Leclerc perché arrivato 24 ore dopo il dramma di Anthoine Hubert, il pilota francese di 22 anni deceduto per le ferite riportate in un drammatico incidente durante la gara 1 della Formula 2. Leclerc conosceva bene Hubert, assieme avevano corso in kart e si erano sempre frequentati nel loro percorso di crescita nel mondo delle corse.

Binotto: «La vittoria di Leclerc fa bene al morale»

Sulla sua SF90, Charles aveva posto un adesivo dedica per Anthoine e alla fine ha dichiarato: "È un sogno che avevo fin da bambino, ma si è realizzato in un weekend davvero difficile. Abbiamo perso un amico, voglio dedicare la mia prima vittoria in formula 1 a lui, siamo cresciuti insieme. Non posso godermi a pieno la mia prima vittoria». Leclerc aveva assaporato il primo posto già in Bahrain, ma gli era andata male, così come in Austria, battuto nel finale da Verstappen. Questa volta tutto è andato liscio e deve anche ringraziare il compagno di squadra Sebastian Vettel. Il tedesco ha effettuato il pit-stop molto prima di Leclerc, si è anche portato in prima posizione, ma quando le gomme hanno iniziato a cedere, Vettel ha fatto passare Charles su ordine della squadra, poi ha tenuto dietro di sè il più possibile il rimontante Lewis Hamilton. Quando l'inglese della Mercedes si è liberato di Seb, ha iniziato un furioso recupero su Leclerc e se ci fosse stato un altro giro, difficilmente la Ferrari avrebbe tagliato per prima il traguardo. Hamilton secondo dunque, ma sempre tranquillamente leader del mondiale con 268 punti contro i 203 del compagno Valtteri Bottas, terzo all'arrivo.

Formula 1, Leclerc: «Dedica al mio amico Hubert». Binotto: «Contento per Charles, la vittoria fa bene a tutti»

La corsa ha visto sparire subito Max Verstappen, centrato alla prima curva da Kimi Raikkonen che non si è accorto di avere all'interno la Red Bull-Honda dell'olandese. Un vero peccato perché il contatto ha costretto al ritiro Verstappen e ai box il finlandese dell'Alfa Romeo, che scattava dalla terza fila. Weekend buttato per entrambi. La prima gara di Alexander Albon con la Red Bull-Honda è stata positiva; il sostituto di Pierre Gasly ha concluso quinto dopo essere partito ultimo per penalità dovuta al cambio del motore. Non male proprio. Gasly invece, con la Toro Rosso ha ottenuto una positiva nona piazza. Antonio Giovinazzi con l'altra Alfa Romeo-Ferrari a suon di sorpassi occupava la nona posizione, ma all'ultimo giro ha rovinato tutto uscendo di pista. Buone gare per Sergio Perez, sesto con la Racing Point-Mercedes, e per Daniil Kvyat, settimo con l'altra Toro Rosso.

Vince Leclerc per un soffio su Hamilton, terzo Bottas poi vettel Albon Perez Kvyat Hulkenberg Gasly e Stroll, questi i piloti a punti. Si ritira nelle battute finali Norris che era quinto! Peccato per Giovinazzi che rovina tutto all'ultimo giro quando era nono. «È un sogno che avevo fin da bambino - ha detto Leclerc all'arrivo - , ma si è realizzato in un week end davvero difficile. Abbiamo perso un amico, voglio dedicare la mia prima vittoria in formula 1 a lui, siamo cresciuti insieme. Non posso godermi a pieno la mia prima vittoria».

Incidente a Giovinazzi, Leclerc resiste ad Hamilton

Ultimo giro - Tra Leclerc e Hamilton 1"5

43° giro - Leclerc + 2"1 su Hamilton, sempre più vicino

42° giro - Leclerc + 2"7 su Hamilton, 2 giri al traguardo

40° giro - Hamilton si porta a 3"8 da Leclerc

Ricciardo cede anche Kvyat e Gasly ed esce dalla zona punti

Gran sorpasso di Giovinazzi a Ricciardo, l'italiano sale 9°

39° giro - Mancano 5 giri al termine ed Hamilton si porta a 5"7 da Leclerc

38° giro - Albon supera Kvyat per il 7° posto mentre Giovinazzi riesce ad avere la meglio su Gasly

37° giro - Gasly supera Giovinazzi, ma l'italiano non ci sta e tenta di riprendersi il decimo posto

36° giro - Leclerc + 6"7 Hamilton Bottas che ha passato Vettel poi Norris Perez Kvyat Albon Ricciardo Gasly Giovinazzi Grosjean Hulkenberg Stroll Magnussen Russell Kubica Raikkonen

35° giro - Albon supera bene Ricciardo e sale 7°

34° giro - Secondo pit per Vettel che riparte con gomme soft

33° giro - Leclerc ha un vantaggio di 6"5 su Hamilton mentre Vettel ora deve guardarsi da Bottas

33° giro - Secondo pit per Raikkonen e Kubica

32° giro - Hamilton supera Vettel nel rettifilo del Kemmel

31° giro - Vettel-Hamilton vicinissimi, duello

30° giro - Leclerc allunga ed ha 4" su Vettel che deve difendersi da un grintoso Hamilton

27° giro - Gioco di squadra in casa Ferrari, viene detto a Vettel di far passare Leclerc

26° giro - Leclerc recupera forte su Vettel che ora pare in crisi con le gomme medie dopo aver segnato giri veloci

25° giro - Vettel + 2"1 Leclerc mentre Hamilton è a 7"7 dal tedesco poi Bottas Norris Giovinazzi (ancora senza pit-stop) Ricciardo Perez Grosjean Gasly Hulkenberg Stroll Kvyat Albon Magnussen Raikkonen Russell Kubica

24° giro - Pit-stop per Albon che dalle medie passa alle soft

24° giro - Pit-stop per Bottas mentre Hamilton si lamenta per il ritardo con cui ha fatto il cambio gomme che ha permesso alle Ferrari di guadagnare secondi con le Pirelli nuove

23° giro - Pit-stop per Hamilton che perde parecchio terreno dalle due Ferrari

22° giro - Pit-stop pr Leclerc che rientra con gomme medie dietro a Vettel

20° giro - Pit-stop per Norris che mantiene la quinta posizione grazie al sorpasso a Kvyat una volta tornato in pista

20° giro - Leclerc + 4"2 Hamilton poi Bottas Vettel Norris Kvyat Giovinazzi Albon Ricciardo Grosjean Perez Gasly Magnussen

19° giro - Tutti in piedi per applaudire il compianto Hubert: il 19 era il suo numero

Vettel segna il giro più veloce e sta spingendo forte, ancora non cambia le gomme Leclerc

17° giro -  Gasly e Perez passano Raikkonen per la 13esima posizione

16° giro - Pit-stop per Vettel che monta gomme medie. Pit anche per Perez

15° giro - Pit-stop per Stroll intanto Giovinazzi e Albon hanno passato Magnussen la cui Haas proprio non va

14° giro - Leclerc porta a 3" il vantaggio su Vettel che a sua volta ha 1"4 su Hamilton. Pit-stop per Gasly

13° giro - Magnussen perde due posizioni, lo passano Stroll e Kvyat

12° giro - Leclerc Vettel Hamilton Bottas Norris Grosjean Perez Gasly Magnussen Stroll Kvyat Giovinazzi Albon Ricciardo Raikkonen Russell Kubica e Hulkenberg, ai box per il cambio gomme

11° giro - Gasly supera Magnussen e va 8°

11° giro - Leclerc non ha perso tempo su Vettel mentre Hamilton comincia a mettere pressione al tedesco

10° giro - Perez passa Magnussen e sale 7°, dietro di loro Gasly con la Toro Rosso

9° giro - Come non detto... errore di Leclerc alla prima variante: arriva lungo e la taglia

9° giro - Leclerc procede bene al comando con 2"3 su Vettel il quale contiene bene Hamilton, a 1"3 dal tedesco. Bottas ha perso la scia del compagno di squadra, quinto è sempre Norris duello tra Magnussen e Perez per il 7° posto

6° giro - Leclerc + 2" Vettel che ha 0"9 su Hamilton. Vettel accusa vibrazioni alla gomma anteriore destra, quella bloccata in precedenza

5° giro - Vettel ha bloccato le gomme alla Source ed ha perso contatto con Leclerc

La safety-car sta per rientrare, Vettel si mette subito vicino a Leclerc

Peccato per Verstappen, subito ritirato per colpa di Raikkonen, una beffa per i 50mila tifosi arrivati dall'Olanda

Sainz non ce la fa e si ferma

La situazione in regime di safety-car: Leclerc Vettel Hamilton Bottas Norris che ha approfittato benissimo del caos alla prima curva, Grosjean Magnussen Perez Gasly Stroll Kvyat Giovinazzi Albon Hulkenberg Russell Kubica Ricciardo Raikkonen Sainz

Procede lentamente Sainz che al via, dall'ultima fila per penalità causa cambio motore in prova, ha stallato.

Sempre in partenza, contatto anche tra Ricciardo e Stroll. Raikkonen ai box per sostituire il musetto

Il replay mostra che alla prima curva Raikkonen ha chiuso Verstappen e c'è stato un inevitabile contatto. L'olandese con la Red Bull danneggiata è poi finito fuori pista poco dopo.

Subito fuori Verstappen che ha picchiato alla Eau Rouge, entra la safety-car

Parte bene Leclerc, Hamilton passa Vettel alla prima curva, ma il tedesco della Ferrari risupera l'inglese sul rettifilo del Kemmel

Ricordiamo il cambio avvenuto in casa Red Bull con Gasly retrocesso alla Toro Rosso e Albon promosso alla Red Bull

Iniziato il giro di ricognizione con Leclerc e Vettel davanti a tutti. Come oramai da tradizione, il circuito di Spa è invaso dai tifosi di Verstappen provenienti dalla vicina Olanda

Russell, Albon, Giovinazzi, Kvyat e Kubica partono con gomme medie, tutti gli altri con pneumatici soft

Un minuto di silenzio. La F1 sta ricordando il povero Hubert, tutti i piloti del Mondiale presenti e vicini alla mamma e al fratello del pilota francese scomparso nell'incidente F2 di ieri.

Mancano 20' al via del GP del Belgio, un appuntamento triste per tutto il mondo del motorsport per il drammatico incidente avvenuto ieri pomeriggio durante la gara della Formula 2 e che è costata la vita al 22enne Anthoine Hubert. Il francese era pilota Junior Renault e dal team francese era seguito con molta attenzione, in particolare da Alain Prost. Una tragedia grande che ha colpito tutti i piloti del Mondiale F1, soprattutto proprio il poleman Leclerc e Gasly che lo conoscevano molto bene.
 

Prima fila tutta Ferrari a Spa-Francorchamps, sede del tredicesimo atto della stagione 2019 di Formula 1. A siglare la pole position è stato Charles Leclerc, protagonista assoluto grazie ad un giro mostruoso in 1’42’’519, realizzando la miglior prestazione del weekend. Il più esperto compagno di squadra, Sebastian Vettel, ha rimediato un distacco di oltre 7 decimi, consentendo comunque al Cavallino Rampante di occupare le prime due posizioni a Spa dodici anni dopo la prima fila firmata da Kimi Raikkonen e Felipe Massa in qualifica sul tracciato delle Ardenne.

Nonostante l’incidente rimediato nelle prove libere 3, il campione in carica nonché leader del Mondiale Lewis Hamilton è riuscito a disputare interamente la qualifica, piazzandosi terzo nel Q3 con un distacco di sette decimi dal battistrada. Il britannico della Mercedes ha rischiato di tamponare il compagno Valtteri Bottas nel primo giro di lancio dell’ultima manche a causa di un brusco rallentamento di Nico Hulkenberg (Renault), oltre ad aver subito un contatto da Romain Grosjean (Haas-Ferrari) nel giro di out.  Quanto a Bottas, il finlandese segue a ruota “Hammertime” precedendo il ‘solito’ Max Verstappen (Red Bull - Honda), quinto ad oltre un secondo dal mostruoso tempo di Leclerc e apparso molto in palla soprattutto nel Q1 quando, nonostante un vero e proprio slalom tra gli avversari che procedevano lentamente in pista ha realizzato il terzo tempo provvisorio. La Mercedes ha riconosciuto la superiorità del motore Ferrari, perfetta sul giro secco della qualifica. Ma la gara sarà un’altra cosa, con il consumo delle gomme che sarà il protagonista del Gran Premio.

Ultimo aggiornamento: 2 Settembre, 11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma