F1, Leclerc in pole a Baku davanti ad Hamilton e Verstappen: «Ma in gara sarà dura»

F1, Leclerc in pole a Baku davanti ad Hamilton e Verstappen: «Ma in gara sarà dura»
3 Minuti di Lettura

Per il secondo weekend di F1 consecutivo, è ancora Charles Leclerc il poleman della gara. A Baku come a Montecarlo, in tutto e per tutto. Ancora una volta infatti le qualifiche sono state interrotte anzitempo per una collisione a muro, ma fortunatamente questa volta a sbattere non ci va la Ferrari del monegasco, ma l'AlphaTauri di Yuki Tsunoda, che non controlla la frenata in uscita di curva e si infila nelle barriere azere. Nona pole position in carriera per il 23enne della Rossa, la 230° invece nella storia del Cavallino.

 

Dietro Tsunoda c'era Sainz, che con sguardo attento si accorge dell'impatto del giapponese e vola dritto nella via di fuga, collidendo anche lui ma scongiurando il peggio e tenendo quasi intatta la monoposto. Anche per lui mezzo sorriso, tutto sommato, dato che prima dell'interruzione aveva messo a segno il quinto tempo, dietro Pierre Gasly e dietro i due leader mondiali Lewis Hamilton - che mette la sua Mercedes in prima fila - e Max Verstappen subito a suguire, in una griglia che promette scintille sin dalla partenza. 

Male Valterri Bottas, che chiude il Q3 in decima posizione, e Sebastian Vettel, che alla terza ripresa neanche ci arriva, ponendo la sua Aston Martin in undicesima piazza. Solo 14° Raikkonen.

Montecarlo, le pagelle del Gp: una Mercedes da incubo. Orgoglio Vettel e Giovinazzi

Leclerc incredulo - «Pensavo che fosse un giro schifoso. Ho fatto degli errori ma ho avuto una grande scia da parte di Lewis nell'ultimo settore che mi ha aiutato un pò». Charles Leclerc commenta così la sorprendente pole position nel Gp di Baku. «Nel complesso pensavo che sarei stato lì ma non mi aspettavo che fossimo così competitivi - aggiunge il monegasco della Ferrari-. Prima della bandiera rossa stavo migliorando ancora, ma va bene così. Un'altra pole, sono contento, è una bellissima sensazione. Peccato ci sia di nuovo una bandiera rossa di mezzo, la prossimo spero di farla in una situazione normale. Gara? Macchina ha dato buone sensazioni, ma Mercedes e Red Bull hanno qualcosa di più rispetto a noi. Sarà difficile, qui non è Monaco e si può superare. Spero di tenere la prima posizione, ma sarà difficile».

Sabato 5 Giugno 2021, 16:03 - Ultimo aggiornamento: 17:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA