Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gp di Sakhir, le pagelle: Russell perfetto, ma i box Mercedes sono un disastro

Gp di Sakhir, le pagelle: Russell perfetto, ma i box Mercedes sono un disastro
di Alberto Sabbatini
3 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Dicembre 2020, 07:30

RUSSELL  9,5
Quasi perfetto. Non ha fatto la pole né ha vinto e ha dovuto accontentarsi fra le lacrime solo del 9° posto. Ma è stato il vero protagonista del GP. Al debutto sulla Mercedes ha ridicolizzato Bottas sverniciandolo sul ritmo gara e con un sorpasso da brividi in pista. Poi il box che sbaglia le gomme e una foratura che lo ferma nel finale gli hanno tolto per due volte una vittoria meritata. Con quale spirito risalirà nel 2021 sulla scadente Williams? 

PEREZ 9
Quando serve esperienza e sangue freddo, questo 30enne messicano sale in cattedra. La sua gara sembrava finita alla quarta curva, travolto da Leclerc. Invece dopo un testacoda è ripartito, ha cambiato le gomme, ha rimontato a testa bassa e si è trovato al punto giusto per approfittare dei pasticci del box Mercedes e vincere. Ma la vittoria non gli servirà per trovare un posto in F1 nel 2021. 

OCON 8
Due anni fa questo francese era il pilota junior Mercedes, poi ripudiato per far posto a Russell. Ripescato dalla Renault, si è preso una bella rivincita andando a podio e consegnando col 2° posto alla Renault il miglior piazzamento dal suo rientro in F1 nel 2016. 

BOTTAS 6
Senza Hamilton in pista, avrebbe potuto esaltarsi, invece è andato in confusione. A parte la pole position, ha sbagliato praticamente ogni cosa. Partenza lenta, esitante nel compiere sorpassi, sempre più lento sul ritmo rispetto al compagno debuttante. Aveva le gomme usate, ma anche senza il guaio al pit stop, non avrebbe mai vinto. Si è visto che non ha la stoffa per meritarsi i galloni del capitano.

VETTEL 5
Gara scialba e ancora una volta fuori dai punti. Soltanto 12° e solo grazie alla safety car evita l’onta del doppiaggio. A Sakhir contava l’esperienza, ma quella di Vettel non s’è vista: era regolarmente un secondo al giro più lento dei suoi rivali su Renault, McLaren e Alpha Tauri. E non è solo demerito della macchina.

LECLERC 4
Un lampo incredibile in qualifica con cui ha strappato il quarto tempo, poi un eccesso di foga in gara con cui ha strappato una ruota della sua Ferrari alla terza curva. Leclerc è fortissimo, ma deve tenere a freno la propria irruenza. Non è la prima volta che esagera così. Come dice un motto famoso fra i piloti, le gare non si vincono alla prima curva (o quarta), ma si possono perdere lì…

MERCEDES 2
Quando sbagliano, non fanno errori lievi ma veri disastri! Al pit stop hanno perso la testa: hanno montato a Russell le gomme di Bottas costringendolo a una sosta extra per ricambiarle; poi hanno smontato e rimontato le stesse gomme (!!) a Bottas tenendolo fermo 27 secondi. Così hanno buttato via una gara che avevano dominato. Hamilton, nel lusso della sua stanza d’albergo dove sconta la quarantena, si sarà fatto una risata...

© RIPRODUZIONE RISERVATA