Binotto: «Al Gp d'Austria la Ferrari dei test. Novità in Ungheria»

Martedì 30 Giugno 2020
Mattia Binotto

«La SF1000 a Zeltweg avrà la stessa configurazione vista nei test di Barcellona ma è stato avviato un importante cambio di direzione per quanto concerne lo sviluppo, soprattutto sul piano aerodinamico. Abbiamo dovuto capire perché non avevamo visto in pista quello che ci aspettavamo e a quel punto ritarare tutto il programma di conseguenza. Sarebbe stato controproducente proseguire sulla strada prevista sapendo che non avremmo raggiunto gli obiettivi prefissati. Pertanto, abbiamo deciso di stendere un nuovo programma che riguardasse tutta la vettura, sapendo che non sarebbe stato pronto per la prima gara nella sua integrità». Lo dice il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, in vista del Gp d'Austria gara d'apertura del mondiale 2020 di F1 che si disputa domenica 5 luglio al Red Bull Ring.

«L'obiettivo è portare in pista i nuovi sviluppi alla terza gara, quella del 19 luglio all'Hungaroring. Sappiamo bene che oggi non disponiamo del pacchetto più veloce, lo sapevamo alla vigilia della partenza per Melbourne e le cose non sono cambiate -prosegue Binotto-. Detto questo, il circuito austriaco ha delle caratteristiche diverse rispetto a quello di Montmelò e le temperature non saranno quelle di fine febbraio. In Austria dovremo cercare di sfruttare le opportunità che dovessero presentarsi, in attesa di capire in Ungheria, una volta introdotto lo step di sviluppo cui stiamo lavorando, dove davvero saremo rispetto agli altri, anche alla luce degli sviluppi che gli avversari avranno eventualmente introdotto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani