Giostra di gol in Bundesliga: il Bayern vince 8-0, Leverkusen e Wolfsburg fanno 4-5

Sabato 14 Febbraio 2015 di Benedetto Saccà
Diciassette reti in sole due partite della Bundesliga. Eccoli i risultati: 8-0 e 4-5, un’incredibile (e contemporanea) giostra del gol. La prima valanga l’ha prodotta il Bayern Monaco di Pep Guardiola, che ha sbriciolato l’Amburgo, infilzandolo al passo medio di un centro ogni 11 minuti e mezzo. Müller, Götze, Robben, ancora Robben, di nuovo Müller, Lewandowski, Ribery e infine Götze: i bavaresi non hanno avuto pietà dei teneri rivali e, anzi, hanno sciacquato via la polvere accumulata nelle ultime settimane con una cascata di gol. Del resto, si sa, vincere è il miglior sistema per ripulire la mente (propria e altrui) dai dubbi. Chi ricorda, ora, il pareggio e la sconfitta rimediati da Guardiola solo all’inizio del mese?



Così, i bavaresi hanno mantenuto il comando della classifica, consolidando il vantaggio di otto (guarda un po’...) punti rispetto al Wolfsburg, secondo. E, al proposito, oggi pomeriggio proprio il Wolfsburg ha delineato i contorni di un punteggio da pazzi insieme al Bayer Leverkusen. Quattro a cinque. E la copertina della giornata se l’è meritata tutta l’olandese Bas Dost, autore addirittura un poker. Andando con ordine, va annotato che i verdi di Hecking hanno concluso il primo tempo con un margine di tre reti, due firmate per l’appunto da Dost, l’altra da Naldo.



Poi, doppietta di Son Heung-Min, ancora Dost a pungere, di nuovo Son Heung-Min a bersaglio e Bellarabi bravo a siglare l’impensabile pareggio. Non fosse abbastanza, ecco il cartellino rosso sventolato davanti al viso di Spahic. Per chiudere, inevitabile coronamento di una giornata magica, Dost (e chi, altrimenti?) ha sfruttato l’invito di Vieirinha e ha fulminato Leno per la quarta volta. Quattro a cinque al 93’, come detto.

Non di rado, insomma, il calcio riesce ancora a divertire. Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio, 07:50

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani