Real, effetto Ronaldo: le mosse di Florentino Perez spaventano l'Europa

Mercoledì 11 Luglio 2018 di Eleonora Trotta
1
Un esempio di stile ed eleganza. Il presidente Florentino Perez saluta CR7 in punta di penna: «Real Madrid comunica che, secondo la volontà e la richiesta espresse di Cristiano Ronaldo, ha accettato di trasferirlo alla Juventus. Oggi il Real Madrid vuole esprimere la sua gratitudine a un giocatore che ha dimostrato di essere il migliore del mondo e che ha segnato uno dei momenti più brillanti nella storia del nostro club e del calcio mondiale. Ma al di là dei titoli conquistati, dei trofei conseguiti e dei trionfi conseguiti in campo durante questi 9 anni, Cristiano Ronaldo è stato un esempio di dedizione, lavoro, responsabilità e talento. Il Real Madrid sarà sempre la tua casa».

LA NUOVA ÈRA
Alla Casa Blanca è iniziata così una nuova èra. Dopo l’addio improvviso di Zinedine Zidane e il successivo annuncio di Lopetegui, che ha sconvolto tutta la Spagna a pochi giorni dal debutto Mondiale, ora il presidente Perez è pronto a sbaragliare la concorrenza e a ristabilire la supremazia sul calciomercato. La volontà è quella di oscurare la cessione del portoghese con l’arrivo di Neymar o Mbappé, più uno tra Hazard, Lewandowski e Kane, senza dimenticare il portiere Alisson e il centrocampista Milinkovic Savic.

SOGNO O NEY
Sarà questo l’ordine del giorno della Junta Directiva. Il consiglio direttivo presto si riunirà per programmare il post CR7 e pianificare l’ingente spesa estiva dei Galacticos. I tifosi del Real Madrid interpellati da Marca non hanno dubbi: Mbappé, valutato dal Psg circa 300 milioni, è il preferito. Ma Florentino Perez considera il fuoriclasse francese una sorta di piano B perché, nonostante il Mondiale in chiaroscuro, continua ad accarezzare il suo storico e personale sogno: Neymar. Perez non ha mai nascosto l’ammirazione per il brasiliano. Il talento scelto ed inseguito per architettare lo sgarbo ai blaugrana e riprendersi la scena. Un vero e proprio invaghimento capace, tra l’altro, di far innervosire con il tempo pure CR7. In Spagna non hanno dubbi: il numero uno del club iberico è disposto a fare follie pur di centrare il colpo. Il prezzo? Siamo sui 200-250 milioni.

LA LUNGA ATTESA
La lunga trattativa per l’asso brasiliano parte da molto lontano, con il doppio accordo raggiunto sia con l’ex blaugrana (circa 40 milioni a stagione per i prossimi cinque anni) sia con il padre del calciatore. Resta da convincere il Psg, intenzionato a trattenere almeno un’altra stagione O Ney, ma pronto eventualmente a bussare alla porta del Barcellona per Coutinho. Insomma, dopo lo tsunami della scorsa estate, è in arrivo in Europa un’altra incredibile ondata di milioni. Adesso il Real non si fermerà al primo no. Anzi, per abbattere le certezze del Psg per le due stelle Neymar e Mbappé e far crollare il muro Tottenham per il bomber Harry Kane, Perez non baderà a spese.

DERBY EDEN
Apparentemente, Eden Hazard è più alla portata. Il talento belga ha già rifiutato il rinnovo con il Chelsea in scadenza nel 2020 dove, finalmente, ci sarà il cambio in panchina con l’esonero di Antonio Conte e l’ingaggio di Maurizio Sarri (2 anni di contratto con opzione per un’altra stagione). Il capitano belga vuole la Liga, quindi la maglia delle merengues o in alternativa quella blaugrana. Secondo alcuni rumors, il Barcellona sarebbe infatti piombato sull’ex Lille con l’intento di complicare i piani al Real che, da circa un anno, step by step, ha costruito quest’operazione con l’agente del calciatore.

ANCHE UN KANE
I contatti per Kane sono invece ripartiti in occasione del sondaggio per Pochettino, prima dell’ufficializzazione di Lopetegui. Gli Spurs considerano il bomber inglese insostituibile. Il tecnico argentino addirittura ha svelato la gelosia della compagna: «E un killer, sono innamorato, sua moglie e la mia sono gelose». Ma Perez non si fermerà neanche di fronte a dichiarazioni così. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il pugno di ferro di Papa Francesco sui vescovi americani

di Franca Giansoldati